Una risposta efficace alla paralisi fiscale dell’Europa

di GEORGE SOROS

Con l’Ungheria e la Polonia che hanno posto il veto al bilancio dell’Unione europea e al fondo di recupero COVID-19, le ragioni per l’emissione di obbligazioni perpetue non sono mai state più forti. Sebbene l’UE non possa attualmente farlo, data l’incertezza sul suo futuro, molti dei suoi Stati membri possono e dovrebbero.

NEW YORK – Ho scritto molto in passato sull’opportunità che l’Unione Europea emetta obbligazioni perpetue. Ma oggi propongo che siano i singoli Stati membri a farlo.

In questo momento, sarebbe impossibile per l’UE emettere obbligazioni perpetue, perché gli Stati membri sono troppo divisi. La Polonia e l’Ungheria hanno posto il veto al prossimo bilancio dell’UE e al fondo di recupero COVID-19, e i cosiddetti Frugal Five (Austria, Danimarca, Finlandia, Paesi Bassi e Svezia) sono più interessati a risparmiare denaro che a contribuire al bene comune. Gli investitori acquisteranno obbligazioni perpetue solo da un’entità che credono continuerà ad esistere nel prossimo futuro. Ciò era vero per la Gran Bretagna nel diciottesimo secolo (quando emise Consols) e per gli Stati Uniti nel diciannovesimo secolo (quando consolidò il debito dei singoli stati). Purtroppo, oggi non è vero per l’UE.

L’UE si trova in una situazione molto difficile. Sta vivendo una seconda ondata di COVID-19 che minaccia di essere ancora più devastante della prima. Gli Stati membri hanno utilizzato la maggior parte delle proprie risorse finanziarie per combattere la prima ondata. Fornire assistenza sanitaria e rilanciare l’economia richiederà molto di più degli 1,8 trilioni di euro (2,2 trilioni di dollari) del nuovo budget e del fondo di recupero, chiamato Next Generation EU. In ogni caso, la disponibilità di tali fondi è stata ritardata dal veto dell’Ungheria e della Polonia.

Il primo ministro ungherese Viktor Orbán teme che la nuova disposizione sullo stato di diritto dell’UE imponga limiti pratici alla sua corruzione personale e politica. È così preoccupato di aver concluso un accordo di cooperazione vincolante con la Polonia, trascinando con sé quel paese.

Si scopre che esiste un modo semplice per superare il veto: utilizzare la cosiddetta procedura di cooperazione rafforzata. È stato formalizzato nel trattato di Lisbona con il preciso scopo di creare una base giuridica per un’ulteriore integrazione della zona euro, ma non è mai stato utilizzato a tale scopo. Il suo grande merito è che può essere utilizzato a fini fiscali. Un sottogruppo di Stati membri può stabilire un budget e concordare un modo per finanziarlo, ad esempio attraverso un’obbligazione congiunta.

A questo punto, le obbligazioni perpetue potrebbero tornare molto utili. Sarebbero emessi da Stati membri la cui esistenza sarebbe stata prontamente accettata da investitori a lungo termine come le compagnie di assicurazione sulla vita.

Le obbligazioni perpetue offrono il grande vantaggio che il capitale non deve mai essere rimborsato; è dovuto solo l’interesse annuale. Il valore attuale scontato dei pagamenti di interessi futuri diminuisce nel tempo: si avvicinerà, ma non raggiungerà mai, lo zero. Una certa quantità di risorse finanziarie – diciamo, gli € 1,8 trilioni attualmente pianificati – andrebbero più volte se venissero utilizzate per emettere obbligazioni perpetue anziché obbligazioni ordinarie. Ciò risolverebbe in gran parte i problemi finanziari dell’Europa.

Se un paese emettesse obbligazioni perpetue, avrebbe il vantaggio aggiuntivo che gli altri paesi europei lo troverebbero un esempio da seguire. I Frugal Five dovrebbero trovare i legami perpetui particolarmente attraenti. Dopotutto, a loro piace risparmiare denaro.

C’è molta domanda insoddisfatta in Europa da compagnie di assicurazione e altri investitori a lungo termine per obbligazioni a lungo termine. All’inizio, potrebbero richiedere un premio per le obbligazioni perpetue perché non hanno familiarità con lo strumento. Ma è probabile che il premio scompaia man mano che lo conoscono.

L’Italia non è tra i paesi abbastanza fortunati da poter emettere obbligazioni perpetue a proprio nome; tuttavia ha bisogno dei benefici più di altri. L’Italia è la terza economia più grande dell’UE: cosa sarebbe l’UE senza di essa?

Sarebbe un meraviglioso gesto di solidarietà se i Paesi che vendono obbligazioni perpetue a proprio nome garantissero anche un’emissione da parte dell’Italia. Ciò rafforzerebbe l’UE e quindi ne trarrebbe vantaggio indirettamente. Alla fine, l’UE potrebbe diventare abbastanza forte da emettere anche obbligazioni perpetue a proprio nome. Questo è un obiettivo per cui vale la pena lottare.

 

Questa voce è stata pubblicata in FinanzCapitalismo, Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento