I vincitori e i perdenti della Covid-19 Cosa non ti uccide

Mentre si avvicina la prospettiva di un vaccino ampiamente distribuito – questa settimana AstraZeneca e l’Università di Oxford hanno annunciato i risultati del loro jab – i capi e gli investitori stanno distogliendo lo sguardo dalla lotta immediata per affrontare la pandemia e guardano invece al quadro competitivo a lungo termine. 

Chi ha vinto e chi ha perso? Come i virus, le recessioni di solito vengono prima di tutto per i più deboli. Le aziende con bilanci malaticci o margini fragili soccombono rapidamente. Man mano che le start-up promettenti vengono schiacciate e chiuse, spesso sono gli operatori storici ad avere le risorse per aspettare. Eppure la recessione covid-19 è stata più acuta del normale, e più complicata. 

L’economia mondiale dovrebbe ridursi di oltre il 4% quest’anno, la più profonda recessione dalla seconda guerra mondiale, e c’è ancora il rischio di una doppia recessione. I salvataggi, lo stimolo della banca centrale e la tolleranza da parte delle banche e dei proprietari terrieri hanno rallentato il processo di distruzione creativa e ridotto il numero di inadempienze. L’allontanamento sociale sta sprecando alcune industrie, mentre ne sta stimolando altre, mentre la gente trova nuovi modi di fare le cose vecchie. 

Di conseguenza, il normale modello in cui le aziende potenti acquisiscono più influenza è meno enfatico di quanto ci si possa aspettare, fino ad ora. Gli investitori stanno lottando per affrontare una prospettiva così insolita. Questo è in parte il motivo per cui, anche se anticipate, le notizie sui vaccini delle ultime settimane hanno provocato delle giravolte sui mercati finanziari, dato che i gestori dei fondi hanno scommesso più pesantemente sulle aziende che temevano di toccare solo poche settimane fa. 

Qual è dunque un buon modo per valutare i vincitori e i perdenti? In molte aziende gli operatori storici rimarranno al vertice, perché il loro intero settore si è dimostrato immune dalle interruzioni online. In altri casi gli operatori storici vinceranno, ma perché hanno padroneggiato le nuove innovazioni digitali. Infine, in alcuni settori dell’economia in cui il cambiamento tecnologico sembra essere stato accelerato, la gestione è affidata a nuovi operatori. 

La musica dal vivo è un settore che la pandemia ha completamente silenziato. Con i concerti e i festival vietati, Live Nation, il più grande organizzatore di concerti, ha visto le sue vendite calare del 95% rispetto a un anno fa. Eppure, non essendoci modo di replicare un mosh-pit online, l’industria non viene perturbata, ma messa nel congelamento profondo. Come suggerisce il buon andamento del prezzo delle azioni di Live Nation, può permettersi di aspettare che la vita torni alla normalità. Molti altri settori, come quello dei viaggi aerei, non possono muoversi online. Quest’anno causerà gravi danni al bilancio delle compagnie aeree: il loro debito totale ha raggiunto il mezzo trilione di dollari. (British Airways sta letteralmente vendendo le porcellane di famiglia per puntellare le sue finanze: una mezza dozzina di tazze da tè di prima classe possono essere tue per poco più di 30 dollari). 

Ma chi sopravvive troverà i cieli meno affollati. Altrove c’è stato più disturbo digitale, ma sono gli operatori storici che ne hanno beneficiato. La pubblicità si è spostata ancora di più online, dove regna il duopolio di Facebook e Google. Allo stesso modo, molto lavoro in ufficio si è spostato verso la casa, portando a edifici per uffici vuoti e fotocopiatrici abbandonate. Il risultato di questa interruzione è che la gente si affida più che mai alle grandi aziende tecnologiche che forniscono servizi cloud. 

Anche se la pandemia causerà un cambiamento permanente in tutti questi settori, i nomi dominanti in ognuno di essi saranno familiari. 

Eppure c’è un terzo gruppo di industrie che sono state perturbate in modi che minacciano gli operatori storici. Lo sport dal vivo è più o meno continuato per tutta la durata della pandemia, poiché le squadre hanno trovato il modo di testare o mettere in quarantena i giocatori. Ma l’assenza di folle ha contribuito a far precipitare il pubblico televisivo, motore finanziario dell’industria sportiva. Invece, le persone si stanno sintonizzando più spesso per mettere in evidenza clip, siti di scommesse e altri modi interattivi di godersi lo sport sulle app sociali, minacciando le aziende della TV via cavo. 

Nel settore della ristorazione, un crescente appetito per i servizi di consegna come DoorDash, i cui ricavi quest’anno sono più che triplicati, indica un futuro in cui mangiare a casa diventa più comune. I rivenditori di generi alimentari e i ristoranti dovranno adattarsi, o vedere erosi i loro profitti. E qual è il quadro dell’economia nel suo complesso? Se si guarda al mercato azionario americano, le azioni delle più grandi aziende per vendite hanno superato quest’anno – ma solo in 33 dei 59 settori industriali, e con un margine mediano di soli due punti percentuali. In molte aree la battaglia per la supremazia è ancora in corso.

Così, nell’e-commerce le vendite di Amazon sono aumentate, ma si trova ad affrontare una nuova concorrenza sotto forma dell’operazione online di Walmart e di Shopify, una start-up digitale. 

Covid-19 ha portato con sé un danno economico su vasta scala. Eppure i rapidi cambiamenti che sono stati imposti a molti settori stanno portando a un’innovazione che sopravviverà alla pandemia – e in alcuni casi stanno lasciando gli operatori storici meno potenti di prima. Sia i consumatori che i trustbusters devono sperare che questi nuovi settori competitivi dell’economia rimarranno fortemente contesi anche molto tempo dopo la fine della pandemia.

The Economist 

Questa voce è stata pubblicata in Comunità sociale. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento