Obiettivi climatici e partecipazione dell’industria alla ripresa

HENRIK POULSEN (CEO di Ørsted)

MADS NIPPER (CEO di Grundfos)

LARS FRUERGAARD JØRGENSEN (CEO di Novo Nordisk)

 

Sebbene i governi di tutto il mondo siano impegnati ad affrontare le emergenze economiche e sanitarie causate dalla pandemia di COVID-19, non devono perdere di vista l’opportunità storica che si è presentata. È giunto il momento di creare le condizioni per una transizione a livello sociale verso un futuro sostenibile a basse emissioni di carbonio.
COPENAGHEN – La pandemia di COVID-19 non deve indurre i governi ad abbassare le proprie ambizioni climatiche. L’accelerazione della transizione verso un’economia sostenibile a basse emissioni di carbonio può sia guidare la ripresa sia costruire resilienza per il futuro.
Altri paesi potrebbero cercare ispirazione in Danimarca per le iniziative sul clima che contribuiranno anche alla ripresa economica. Il paese sta attualmente prendendo provvedimenti concreti per raggiungere il suo obiettivo di ridurre le emissioni di biossido di carbonio del 70% entro il 2030 e raggiungere emissioni nette zero entro il 2050.
In qualità di amministratori delegati di società danesi con una presenza globale rispettivamente nelle energie rinnovabili, nelle tecnologie idriche e nei prodotti farmaceutici, siamo stati nominati dal governo danese per presiedere le “partnership climatiche” pubblico-privato create per perseguire obiettivi di politica climatica. Il nostro compito è stato quello di sviluppare tabelle di marcia globali per raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni nei nostri rispettivi settori nel modo più efficiente in termini di costi.
Avendo presieduto queste partnership negli ultimi sette mesi, riteniamo che i governi di tutto il mondo trarrebbero grandi benefici sia da questo modello di collaborazione sia dalle nostre scoperte specifiche su come rendere i settori manifatturiero, energetico e delle scienze della vita e delle biotecnologie quasi neutrali rispetto al 2030. Poiché i paesi spendono trilioni di dollari per proteggere posti di lavoro e mezzi di sussistenza durante la pandemia, è fondamentale che modifichino tale stimolo in modo da garantire una ripresa sostenibile a lungo termine.
L’Organizzazione mondiale della sanità stima che il capitale annuale necessario per raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni dell’accordo sul clima di Parigi ammonta a circa l’ 1% del PIL globale all’anno. I governi dovrebbero quindi sfruttare l’attuale apertura per indirizzare i loro piani di ripresa a medio e lungo termine verso il duplice obiettivo di stimolo finanziario e decarbonizzazione.
Perseguire questi obiettivi contemporaneamente non è semplicemente un imperativo morale. Ha anche senso economico. I governi devono urgentemente sbloccare la capacità del settore privato di innovazione e investimenti, a partire da obiettivi concreti e ambiziosi di riduzione delle emissioni per il 2030 e il 2050. Una volta stabiliti tali obiettivi, i governi dovrebbero coinvolgere le imprese nello sviluppo di tabelle di marcia settoriali specifiche per la decarbonizzazione.
La logica di sfruttare il settore privato è semplice. I leader aziendali sono nella posizione migliore per identificare percorsi economicamente validi di riduzione del carbonio all’interno dei propri settori e hanno una conoscenza diretta di ciò che è necessario dai governi per sbloccare gli investimenti del settore privato. Questo è ciò che chiamiamo la formula danese per la collaborazione pubblico-privato.
Le analisi che abbiamo condotto nei nostri partenariati sul clima hanno rivelato opportunità di decarbonizzazione che molti avrebbero ritenuto impossibili solo pochi anni fa. Applicando e ridimensionando le tecnologie esistenti in modo efficiente in termini di costi, i settori manifatturiero, energetico, delle scienze della vita e delle biotecnologie potrebbero diventare quasi carbon neutral nel 2030. Inoltre, questi settori forniscono anche tecnologie e servizi che hanno il potenziale per favorire la riduzione delle emissioni in altri settori. Ciò include prodotti e servizi a risparmio energetico e la sostituzione di combustibili fossili con elettricità verde per decarbonizzare i trasporti e altre industrie.
Pertanto, le nostre raccomandazioni hanno applicazioni globali, sia per i paesi in una fase nascente di decarbonizzazione sia per quelli che sono già sulla buona strada. Il primo fattore chiave è che i governi dovrebbero fissare obiettivi nazionali ambiziosi di riduzione delle emissioni per ciascun settore economico, garantendo in tal modo trasparenza e certezza a lungo termine per le società e gli investitori.
In secondo luogo, tutti i paesi devono creare le condizioni per un aumento significativo della produzione di energia rinnovabile, dell’elettrificazione verde e del miglioramento dell’efficienza energetica. Gli affari verdi sono buoni affari: l’eolico e l’energia solare sono ora le opzioni più economiche per i due terzi del mondo e l’efficienza energetica migliora la competitività economica a vantaggio dei consumatori.
In terzo luogo, i governi dovrebbero adeguare i propri quadri normativi per massimizzare gli investimenti in tecnologie innovative – come pompe di calore, idrogeno rinnovabile e biocarburanti – attraverso un aumento della ricerca, sviluppo e diffusione pubblici e privati.
Analogamente, le politiche in materia di appalti pubblici e di bilancio dovrebbero essere riformate per rafforzare gli incentivi che incoraggiano attività e investimenti a basse emissioni di carbonio. E le aziende di tutto il mondo devono assumersi la responsabilità oltre le proprie emissioni dirette, spingendo per riduzioni simili attraverso le loro catene di valore globali.
Al di là di queste ampie raccomandazioni, desideriamo condividere con i governi e le altre informazioni aziendali i nostri piani d’azione specifici su come decarbonizzare la produzione, l’energia, le scienze della vita e la biotecnologia nel modo più efficiente possibile in termini di costi. Incoraggiamo i responsabili delle politiche e i leader del settore a basarsi su queste lezioni mentre modellano la ripresa economica e accelerano la transizione verde.
Collettivamente, dobbiamo assicurarci che la pandemia COVID-19 non ci riporti al business as usual che ha portato alla crisi climatica. Applicando il modello e i principi che abbiamo enunciato, tutte le società possono fare di più che riprendersi; possono anche adattarsi al futuro. Questo è l’approccio giusto sia a livello ambientale che economico.

Questa voce è stata pubblicata in Libero Ambiente. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento