Nostra signora dei Turchi

Gli imperi colpiscono l’Europa

Tra le tante sfide di politica estera sul piatto dell’Europa, poche sono pressanti quanto le crescenti tensioni nel Mediterraneo orientale, dove le pretese neo-ottomane della Turchia minacciano gli interessi europei. Poiché la Turchia ha scelto la propria strada, il compito ora è garantire la convivenza, piuttosto che l’integrazione.

BERLINO – La presidenza di Donald Trump è ormai storia, il che rimette  all’ordine del giorno europeo il rinnovo delle relazioni transatlantiche. Ma non può esserci ritorno alle vecchie e accoglienti dipendenze dell’era della Guerra Fredda e del periodo successivo, in cui l’America – il grande protettore – decideva tutte le questioni importanti di sicurezza, e l’Europa seguiva. Per rinnovare il transatlanticismo, l’Europa dovrà dare il proprio contributo alla sicurezza comune, soprattutto all’interno del proprio ambiente geopolitico.

Nelle sue immediate vicinanze, l’Unione europea deve affrontare tre ex potenze globali ossessionate dalla loro passata gloria imperiale: Russia, Turchia e ora Regno Unito. Ognuno ha un rapporto unico con l’Europa, attualmente come storicamente, e tutti condividono alcuni punti in comune.

Sotto il presidente Vladimir Putin, la Russia si aggrappa con desiderio ai ricordi del suo status di superpotenza, quando l’Unione Sovietica era l’uguale globale degli Stati Uniti. Sotto il presidente Recep Tayyip Erdoğan, la Turchia sogna di riprendere l’espansione geopolitica e culturale dell’Impero Ottomano dai Balcani e dai margini occidentali dell’Asia centrale al Mediterraneo orientale e alla costa nordafricana (Libia), fino al Golfo Persico. E, infine, la Gran Bretagna post-Brexit sta cercando la sua anima nell’isolamento autoimposto (e non così splendido), anche se rimane vicino agli europei continentali attraverso la NATO e i forti legami culturali e storici.

Nel bene e nel male, l’UE condivide il continente europeo con questi tre vicini difficili, e quindi deve lavorare con ciascuno di loro per raggiungere una convivenza pacifica. La Russia, una potenza nucleare, è troppo grande e militarmente potente perché l’Europa possa gestirla da sola. In questo caso, l’UE continuerà a dipendere dalla protezione degli Stati Uniti, soprattutto di fronte alle minacce russe all’Europa orientale e agli Stati baltici, che si sono manifestate con l’annessione della Crimea nel 2014 e la guerra nell’Ucraina orientale.

Ma la sfida principale dell’Europa sta altrove: il Mediterraneo orientale, dove la scoperta di consistenti giacimenti di gas naturale sotto il fondo del mare ha aumentato notevolmente il rischio di un conflitto tra i membri della NATO Turchia e Grecia, oltre a coinvolgere lo stato membro dell’UE Cipro. Inoltre, una missione NATO per fermare il contrabbando di armi lungo la costa libica ha recentemente provocato un pericoloso scontro tra una fregata francese e navi della marina turca, provocando gravi contrattempi diplomatici.

Dunque, non mancano potenziali punti di infiammabilità nella regione, a causa della concorrenza per i giacimenti di gas naturale, l’intervento della Turchia nella guerra civile libica, l’antico conflitto sull’Egeo, i problemi di demarcazione di lunga data, i diritti di sorvolo e marittimi e la questione aperta di Cipro. Queste tensioni, ulteriormente aggravate da secolari rivalità religiose ed etniche, hanno creato una situazione sempre più pericolosa alle porte dell’Europa. Per quanto riguarda i suoi interessi, l’Europa dovrà affrontare da sola questo problema.

Sotto Erdoğan, la Turchia persegue da diversi anni politiche espansive “neo-ottomane”. Sebbene il suo governo del Partito per la giustizia e lo sviluppo (AKP) avesse inizialmente tentato di accelerare l’integrazione con l’Occidente muovendosi verso l’adesione all’UE, sono stati il cancelliere tedesco Angela Merkel e l’allora presidente francese Jacques Chirac a chiuderle saldamente la porta in faccia nel 2006.

All’epoca, il boom economico globale diede a Erdoğan l’impressione che la Turchia potesse modernizzarsi e poi riemergere come grande potenza da sola, senza ricorrere all’integrazione europea. Ma Erdoğan ha completamente sopravvalutato le capacità del suo paese (e lo fa ancora).

Sul piano interno, Erdoğan ha fatto affidamento su un’alleanza politica con il movimento islamico Gülen fino al tentativo di colpo di stato nel 2016, dopo di che ha stretto un nuovo patto con i nazionalisti estremisti. Ma il cambio di alleati non ha diminuito la componente religiosa nella politica di Erdoğan che da lungo tempo enfatizza il perseguimento di un percorso islamico nell’età moderna, che rappresenta un allontanamento dalla tradizione secolare stabilita dal fondatore della Turchia post-ottomana, Kemal Atatürk. Questo impegno ha portato ineluttabilmente Erdoğan lontano dall’Occidente e verso il Medio Oriente.

È ormai chiaro che sia l’UE che la Turchia sono cadute in una trappola di loro iniziativa: la prospettiva di adesione all’UE, che non sarà sul tavolo nel prossimo futuro. Sfortunatamente, non sono offerti meccanismi di integrazione alternativi.

Ma la Turchia e l’UE non possono semplicemente seguire la propria strada. I mercati, la capacità di investimento e le relazioni con gli arcirivali turchi, Russia e Iran, lo rendono indispensabile per la Turchia; e la posizione geopolitica della Turchia tra Europa, Medio Oriente, Asia centrale e Caucaso la rende indispensabile per l’UE.

Oltre ad essere la patria ancestrale di grandi minoranze in Germania, Belgio e Scandinavia, la Turchia continuerà a svolgere un’importante “funzione di ponte” per la migrazione di rifugiati dall’Asia all’Europa. È imperativo, quindi, che entrambe le parti sviluppino legami pacifici al di fuori dell’adesione all’UE.

A dire il vero, per il momento,  dovrà essere sostenuta la finzione del processo di adesione della Turchia all’UE da tempo sospeso, dovrà essere sostenuta; prima di vedere chi succederà a Erdoğan, terminare formalmente il processo al momento attuale farebbe più male che bene. Ma finché Erdoğan è al potere, la convivenza è il meglio che si possa sperare.

L’Europa non deve perdere di vista il gioco lungo, che inevitabilmente sarà incentrato sulla Cina, non sulla Russia o sui rapporti con la Gran Bretagna post-Brexit. La Cina sta già stabilendo una presenza in Iran e sta dimostrando di avere il capitale, il know-how e la tecnologia per proiettare potere e influenza oltre i suoi confini. Se riuscisse a trasformare la Belt and Road Initiative in una linea di trampolini geopolitici, potrebbe presto emergere al confine sud-orientale dell’Europa in una forma che nessuno nell’UE aveva previsto.

L’Europa non può desiderare un simile risultato. La “questione turca” quindi rimarrà più attuale che mai.

Questa voce è stata pubblicata in Infiniti Mondi. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento