L’Europa deve resistere all’Ungheria e alla Polonia

George Soros (presidente di Soros Fund Management e Open Society Foundations.)

L’Unione europea non può permettersi di scendere a compromessi sulle disposizioni dello Stato di diritto che applica ai fondi che assegna agli Stati membri. Il modo in cui l’UE risponderà alla sfida a tali disposizioni ora poste da Ungheria e Polonia determinerà se sopravviverà come società aperta fedele ai valori su cui è stata fondata.
NEW YORK – L’Ungheria e la Polonia hanno posto il veto al bilancio settennale proposto dall’Unione europea di 1,15 trilioni di euro (1,4 trilioni di dollari) e al Fondo europeo di ripresa da 750 miliardi di euro. Sebbene i due paesi siano i maggiori beneficiari del bilancio, i loro governi sono fermamente contrari alla condizionalità dello Stato di diritto che l’UE ha adottato per volere del Parlamento europeo. Sanno che stanno violando lo stato di diritto in modi eclatanti e non vogliono pagarne le conseguenze.
Non è tanto un concetto astratto come lo stato di diritto che il primo ministro ungherese Viktor Orbán e, in misura minore, il governatore de facto della Polonia, Jarosław Kaczyński, si oppongono. Per loro, lo Stato di diritto rappresenta un limite pratico alla corruzione personale e politica. Il veto è una scommessa disperata da parte di due trasgressori seriali.
È stato anche un passo senza precedenti, arrivato in un momento in cui l’Europa soffre di una pericolosa ondata di casi COVID-19, e ha gettato nella confusione i rappresentanti degli altri paesi dell’UE. Ma quando lo shock è svanito, un’analisi più approfondita ha rivelato che esiste un modo per aggirare il veto.
Sono stati adottati i regolamenti sullo stato di diritto . In caso di mancato accordo su un nuovo budget, il vecchio budget, che scade alla fine del 2020, viene prorogato su base annua. L’Ungheria e la Polonia non riceverebbero alcun pagamento nell’ambito di questo bilancio, perché i loro governi stanno violando lo Stato di diritto.
Allo stesso modo, il fondo di recupero, denominato Next Generation EU, potrebbe essere implementato utilizzando una procedura di cooperazione rafforzata, come proposto da Guy Verhofstadt. Se l’UE seguisse questa strada, il veto di Orbán-Kaczyński potrebbe essere aggirato. La domanda è se l’UE, con il cancelliere tedesco Angela Merkel forse in testa, possa avere tale volontà politica.
Sono un convinto sostenitore dell’UE come modello di una società aperta fondata sullo Stato di diritto. Essendo di origine ebraica ungherese, sono particolarmente preoccupato per la situazione in Ungheria, dove sono attivo come filantropo da più di 30 anni.
Orbán ha costruito in Ungheria un elaborato sistema cleptocratico per rapinare il paese alla cieca. È difficile stimare l’importo di cui ha arricchito la sua famiglia e i suoi amici, ma molti di loro sono diventati estremamente ricchi. Orbán sta ora usando la nuova ondata di COVID-19 per modificare la Costituzione ungherese e la legge elettorale (ancora una volta) e per trincerarsi come primo ministro a vita con mezzi costituzionali. Questa è una tragedia per il popolo ungherese.
Consentitemi di fornire alcuni esempi di come Orbán ha derubato il popolo ungherese. Ha trasferito ingenti somme di denaro pubblico a numerose fondazioni private che controlla indirettamente. Con un astuto trucco costituzionale, Orbán sta ora rimuovendo definitivamente questi beni dal pubblico dominio; ci vorrebbe una maggioranza di due terzi del Parlamento per restituirli al popolo ungherese. Gli importi coinvolti ammontano a quasi $ 2,8 miliardi.
In una serie di transazioni fraudolente, le aziende vicine a Orbán hanno acquistato oltre 16.000 ventilatori per conto dell’Ungheria per quasi 1 miliardo di dollari, superando di gran lunga il numero di letti di terapia intensiva e personale medico in grado di utilizzarli. Un’analisi dei dati del commercio internazionale mostra che l’Ungheria ha pagato di più nell’UE per i ventilatori dalla Cina, a un certo punto pagando oltre 50 volte di più della Germania.
Una di queste società si è anche assicurata un ordine dalla Slovenia, il cui primo ministro, Janez Janša, è uno stretto alleato politico di Orbán. L’Ufficio europeo per la lotta antifrode (OLAF) deve indagare se l’UE è stata frodata. Il recente contratto per il vaccino russo che renderà l’Ungheria il primo paese europeo a utilizzarlo merita di essere indagato.
Allo stesso tempo, Orbán sta cercando di evitare la responsabilità per queste azioni e sta adottando misure per impedire il ripetersi delle elezioni locali nel 2019, quando il suo partito Fidesz ha perso il controllo del governo municipale di Budapest e di altre grandi città. Sta facendo di tutto per privare Budapest di risorse finanziarie, ponendo il veto alla richiesta della città di prendere in prestito denaro dalla Banca europea per gli investimenti per acquistare nuove attrezzature di trasporto di massa suscettibili di allontanamento sociale. Budapest prevede ora un deficit di 290 milioni di dollari nel suo budget per il 2021. Condizioni simili prevalgono in altre città con governi locali non controllati da Fidesz.
I partiti di opposizione ungheresi stanno coraggiosamente cercando di sfidare Orbán formando una lista comune di candidati per le elezioni generali del 2022. Ma le loro possibilità di successo sono limitate perché Orbán può cambiare le regole con breve preavviso, come ha già fatto diverse volte. Convenientemente, Orbán ha in programma di introdurre le ultime modifiche alla legge elettorale mentre infuria la pandemia, Budapest è sotto il coprifuoco e i soldati pattugliano le strade.
Inoltre, Orbán esercita un controllo quasi totale sulla campagna, dove vive la maggior parte della popolazione. Controlla le informazioni che ricevono e in molti villaggi il voto non è segreto. Non c’è praticamente modo che l’opposizione possa prevalere.
Solo l’UE può aiutare. I fondi dell’UE, ad esempio, dovrebbero essere diretti alle autorità locali, dove esiste ancora una democrazia funzionante in Ungheria, a differenza del livello nazionale.
L’UE non può permettersi di scendere a compromessi sulle disposizioni dello Stato di diritto. Il modo in cui risponderà alla sfida posta da Orbán e Kaczyński determinerà se sopravviverà come società aperta fedele ai valori su cui è stata fondata.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento