Come l’intelligenza artificiale potrebbe allargare il divario tra nazioni ricche e povere

 

di Cristian Alonso, Siddharth Kothari e Sidra Rehman

Si prevede che le nuove tecnologie come l’intelligenza artificiale (IA), l’apprendimento automatico, la robotica, i grandi dati e le reti rivoluzioneranno i processi di produzione, ma potrebbero anche avere un impatto importante sulle economie in via di sviluppo. Le opportunità e le potenziali fonti di crescita di cui hanno goduto, ad esempio, gli Stati Uniti e la Cina durante le prime fasi del loro sviluppo economico sono notevolmente diverse da quelle che la Cambogia e la Tanzania stanno affrontando nel mondo di oggi.

La nostra recente ricerca ha rilevato che le nuove tecnologie rischiano di allargare il divario tra paesi ricchi e paesi poveri spostando maggiori investimenti verso economie avanzate in cui l’automazione è già consolidata. Ciò potrebbe a sua volta avere conseguenze negative per l’occupazione nei Paesi in via di sviluppo, minacciando di sostituire piuttosto che integrare la loro crescente forza lavoro, che tradizionalmente ha fornito un vantaggio alle economie meno sviluppate. Per evitare questa crescente divergenza, i responsabili politici delle economie in via di sviluppo dovranno intraprendere azioni per aumentare la produttività e migliorare le competenze dei lavoratori.

Risultati di un modello

Il nostro modello guarda a due paesi (uno avanzato, l’altro in via di sviluppo) che producono entrambi beni utilizzando tre fattori di produzione: lavoro, capitale e “robot”. Interpretiamo “robot” in senso lato, per comprendere l’intera gamma delle nuove tecnologie sopra menzionate. Il nostro presupposto principale è che i robot sostituiscono i lavoratori. La rivoluzione dell’IA nel nostro quadro è un aumento della produttività dei robot.

Troviamo che la divergenza tra le economie in via di sviluppo e quelle avanzate può verificarsi lungo tre canali distinti: produzione share-in, flussi di investimento e termini di scambio.

La produzione share-in:  Le economie avanzate hanno salari più alti perché la produttività totale dei fattori è più elevata. Questi salari più elevati inducono le aziende delle economie avanzate ad utilizzare più intensamente i robot, soprattutto quando i robot sostituiscono facilmente i lavoratori. Poi, quando la produttività dei robot aumenta, l’economia avanzata ne trarrà maggiori benefici a lungo termine. Questa divergenza diventa sempre più grande, più i robot sostituiscono i lavoratori.

Flussi di investimento: L’aumento della produttività dei robot alimenta una forte domanda di investimenti in robot e in capitale tradizionale (che si presume sia complementare ai robot e alla manodopera). Questa domanda è maggiore nelle economie avanzate a causa dell’uso più intenso dei robot (il canale “share-in-production” di cui si è parlato sopra). Di conseguenza, gli investimenti vengono dirottati dai paesi in via di sviluppo per finanziare questo capitale e l’accumulazione di robot nelle economie avanzate, determinando così un calo transitorio del PIL nel paese in via di sviluppo.

Condizioni generali di vendita: Un’economia in via di sviluppo si specializzerà probabilmente in settori che si basano più su manodopera non qualificata, che ha di più rispetto ad un’economia avanzata. Supponendo che i robot sostituiscano la manodopera non qualificata ma integrino i lavoratori qualificati, dopo la rivoluzione dei robot potrebbe emergere un declino permanente dei termini di scambio nella regione in via di sviluppo. Questo perché i robot sostituiranno in modo sproporzionato i lavoratori non qualificati, riducendo i loro salari relativi e abbassando il prezzo del bene che utilizza la manodopera non qualificata in modo più intenso.  Il calo del prezzo relativo della sua produzione principale, a sua volta, agisce come un ulteriore shock negativo, riducendo l’incentivo ad investire e portando potenzialmente ad un calo non solo del PIL relativo ma anche assoluto.

Robot e salari

I nostri risultati dipendono in modo critico dal fatto che i robot sostituiscano o meno i lavoratori. Anche se potrebbe essere troppo presto per prevedere l’entità di questa sostituzione in futuro, troviamo prove suggestive che questo è il caso. In particolare, troviamo che salari più alti coincidono con un uso significativamente più elevato di robot, in linea con l’idea che le aziende sostituiscono i lavoratori lontano dai lavoratori e verso i robot in risposta all’aumento del costo del lavoro.

Implicazioni

L’aumento della produttività dei robot determina una divergenza tra i paesi avanzati e quelli in via di sviluppo, se i robot si sostituiranno facilmente ai lavoratori. Inoltre, questi miglioramenti tenderanno ad aumentare i redditi, ma anche ad aumentare le disuguaglianze di reddito, almeno durante la transizione e possibilmente a lungo termine per alcuni gruppi di lavoratori, sia nelle economie avanzate che in quelle in via di sviluppo.

Non c’è una pallottola d’argento per evitare le divergenze. Dato il rapido ritmo della rivoluzione dei robot, i paesi in via di sviluppo devono investire per aumentare la produttività aggregata e i livelli di competenza più urgentemente che mai, in modo che la loro forza lavoro sia integrata piuttosto che sostituita dai robot. Naturalmente, questo è più facile a dirsi che a farsi. Nel nostro modello, gli aumenti della produttività totale dei fattori – che rappresentano le numerose differenze istituzionali e altre differenze fondamentali tra i paesi in via di sviluppo e quelli avanzati che non sono catturati dal lavoro e dagli input di capitale – sono particolarmente vantaggiosi in quanto incentivano un maggior numero di robot e l’accumulo di capitale fisico. Tali miglioramenti sono sempre benefici, ma i guadagni sono più forti nel contesto della rivoluzione dell’IA.

I nostri risultati sottolineano anche l’importanza dell’accumulazione di capitale umano per prevenire le divergenze e indicano dinamiche di crescita potenzialmente diverse tra le economie in via di sviluppo con diversi livelli di competenze. Il panorama sarà probabilmente molto più impegnativo per i Paesi in via di sviluppo che hanno sperato in elevati dividendi da una transizione demografica molto attesa. La crescente popolazione giovanile dei Paesi in via di sviluppo è stata acclamata dai politici come una grande opportunità di beneficiare di una transizione di posti di lavoro dalla Cina a seguito del suo status di reddito medio laureato. I nostri risultati mostrano che i robot possono rubare questi posti di lavoro. I responsabili politici dovrebbero agire per mitigare questi rischi. Soprattutto di fronte a queste nuove pressioni tecnologiche, un drastico cambiamento per migliorare rapidamente gli aumenti di produttività e investire nell’istruzione e nello sviluppo delle competenze capitalizzerà la tanto attesa transizione demografica.

Questa voce è stata pubblicata in Comunità sociale, FinanzCapitalismo. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento