Crisi climatica: quella europea è la peggiore in 2.000 anni ”

La serie di gravi siccità e ondate di caldo in Europa dal 2014 è la più estrema da oltre 2.000 anni, suggerisce la ricerca. Lo studio ha analizzato gli anelli degli alberi risalenti fino all’impero romano per creare il record più lungo fino ad oggi. Gli scienziati hanno affermato che il riscaldamento globale è la causa più probabile del recente aumento del caldo estremo.

Le ondate di caldo hanno avuto conseguenze devastanti, hanno detto i ricercatori, provocando migliaia di morti premature , distruggendo i raccolti e incendiando gli incendi boschivi . Il basso livello del fiume ha fermato parte del traffico marittimo e ha influito sul raffreddamento delle centrali nucleari. Gli scienziati del clima prevedono ondate di calore e siccità più estreme e più frequenti in futuro.


Lo studio ha anche rilevato un graduale prosciugamento del clima estivo nell’Europa centrale negli ultimi due millenni, prima del recente aumento. Gli scienziati hanno escluso l’attività vulcanica e i cicli solari come cause di questa tendenza a lungo termine e pensano che i cambiamenti sottili nell’orbita terrestre siano la causa.
“Siamo tutti consapevoli del cluster di estati eccezionalmente calde e secche che abbiamo avuto negli ultimi anni”, ha detto il prof Ulf Büntgen, dell’Università di Cambridge, che ha guidato lo studio. “I nostri risultati mostrano che ciò che abbiamo vissuto è straordinario. La serie non ha precedenti negli ultimi 2.000 anni. ” I dati disponibili terminano nel 2018, ma anche il 2019 e il 2020 hanno avuto estati europee molto calde.

Gli scienziati hanno affermato che i cambiamenti nella posizione della corrente a getto e nella circolazione dell’aria nel continente hanno causato la siccità e che il cambiamento climatico è stato probabilmente il motore sottostante. “Il cambiamento climatico [significa] condizioni estreme diventeranno più frequenti, il che potrebbe essere devastante per l’agricoltura, gli ecosistemi e le società nel loro insieme”, ha detto Büntgen.


Il prof Mrislav Trnka, del centro di ricerca CzechGlobe di Brno, che faceva parte del gruppo di studio, ha detto che il forte aumento della siccità è stato particolarmente allarmante per l’agricoltura e la silvicoltura. “Un deperimento forestale senza precedenti in gran parte dell’Europa centrale conferma i nostri risultati”, ha affermato.


Il dott. Friederike Otto, dell’Università di Oxford, ha affermato che la mancanza di dati storici ha spesso ostacolato la chiara identificazione dei driver degli eventi osservati, rendendo il nuovo lavoro importante e utile. “Ciò conferma da una prospettiva a lungo termine che l’enorme aumento degli estremi di calore osservato in Europa durante l’estate, che è stato chiaramente attribuito ai cambiamenti climatici indotti dall’uomo, cambia davvero la natura dell’estate in Europa”, ha detto.


Lo studio, pubblicato sulla rivista Nature Geoscience , ha analizzato 27.000 anelli di crescita di 147 querce. Nel secolo scorso sono state utilizzate querce viventi, poi legname da vecchi edifici come le chiese. Per il Medioevo, i ricercatori hanno utilizzato la quercia che era stata conservata nei depositi fluviali o nei letti di ghiaia, e per il periodo romano hanno utilizzato resti come il legno utilizzato per costruire i pozzi.
Precedenti ricostruzioni climatiche dagli anelli degli alberi usavano la larghezza e la densità del legno per determinare la temperatura. Lo studio condotto da Büntgen ha utilizzato misurazioni degli isotopi di carbonio e ossigeno per mostrare quanta acqua era disponibile per gli alberi, fornendo un record di siccità. Ciò ha dimostrato che l’alta frequenza delle recenti siccità europee era senza precedenti, anche rispetto a gravi siccità storiche come la siccità rinascimentale all’inizio del XVI secolo.


I campioni di legno provengono dalla Repubblica Ceca e dalla Baviera in Germania e rappresentano le condizioni climatiche in tutta l’Europa centrale. Le alte temperature sono state la causa principale delle recenti siccità, e queste sono state osservate in tutta Europa.


La crisi climatica è anche legata a condizioni meteorologiche estreme in inverno. Le precipitazioni nel Regno Unito il 3 ottobre 2020 sono state le più alte nei record risalenti al 1891 e uno studio pubblicato mercoledì scorso ha affermato che ciò era stato reso tre volte più probabile dal riscaldamento globale . La ricerca del Met Office del Regno Unito ha anche scoperto che tali acquazzoni saranno 10 volte più probabili entro il 2100 senza importanti tagli alle emissioni di carbonio.

The Guardian 15 marzo 2021

Questa voce è stata pubblicata in Libero Ambiente. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento