Yellen vuole che gli Stati Uniti agiscano in grande

La candidata a Segretario del Tesoro, è più preoccupata per le robuste misure di risanamento dell’economia che per l’aumento del debito. 

Janet L. Yellen, la candidata del Presidente eletto Joseph R. Biden Jr. alla carica di Segretario del Tesoro, dirà ai parlamentari, nel corso dell’udienza di conferma di martedì, che gli Stati Uniti hanno bisogno di una solida serie di misure di stimolo fiscale per rimettere in carreggiata l’economia colpita dalla pandemia e che ora non è il momento di preoccuparsi del crescente onere del debito della nazione. Il sostegno della Yellen per un ampio pacchetto di stimoli arriva mentre Biden si prepara a portare avanti un piano di sgravio di 1,9 trilioni di dollari una volta assunta la presidenza. 

Se confermato, la signora Yellen sarà responsabile dell’aiuto al pastore di quel pacchetto attraverso il Congresso e della supervisione della sua realizzazione. “Né il presidente eletto né io proponiamo questo pacchetto di sgravi senza considerare il peso del debito del Paese”. Ma in questo momento, con i tassi di interesse ai minimi storici, la cosa più intelligente che possiamo fare è agire in grande”, dirà la signora Yellen, secondo una copia del suo discorso di apertura, che è stato recensito dal New York Times. Non sarà un compito facile. I Democratici detengono una sottile maggioranza al Congresso e i Repubblicani hanno già espresso preoccupazione per il piano di Biden e il suo impatto sul deficit di bilancio, che l’anno scorso ha superato i 3.000 miliardi di dollari. 

Yellen, ex presidente della Federal Reserve, sosterrà che “i benefici saranno di gran lunga superiori ai costi”. E descriverà il suo lavoro come se avesse due mandati: aiutare la gente a restare a galla fino alla fine della pandemia e ricostruire l’economia in modo che gli americani possano competere meglio in un mondo globalizzato. Se confermata, la Yellen dovrebbe portare una prospettiva molto diversa da quella del suo predecessore, il Segretario del Tesoro Steven Mnuchin. 

Ciò include l’approccio della Yellen alla regolamentazione finanziaria e alla protezione dell’economia contro i rischi sistemici. Due anni fa, la Yellen ha firmato una lettera a Mnuchin, esortandolo a non andare avanti con piani per allentare la sorveglianza sulle grandi società finanziarie, per non minacciare la stabilità del sistema finanziario americano. L’appello della Yellen, a cui si sono uniti Ben Bernanke, un altro ex presidente della Fed, e gli ex segretari del Tesoro Jacob J. Lew e Timothy F. Geithner, è rimasto inascoltato. Sotto la direzione di Mnuchin, il Consiglio di Sorveglianza della Stabilità Finanziaria ha portato avanti i piani per far saltare un pilastro chiave dell’era regolamentare post-crisi finanziaria, smettendo di considerare le grandi istituzioni finanziarie non bancarie, quali gli assicuratori e i gestori patrimoniali, come una minaccia per il sistema finanziario. 

Ora la signora Yellen è pronta a ripristinare alcuni dei rollback normativi dell’amministrazione Trump se otterrà la conferma del Senato. La sua udienza di conferma davanti alla Commissione Finanze del Senato, martedì, dovrebbe concentrarsi in gran parte sui piani della Yellen per rilanciare un’economia colpita dalla pandemia. Ma sarà anche sotto pressione per mostrare ai Democratici e ai gruppi progressisti che è pronta a porre fine a quello che considerano come il cedimento di Mnuchin nei confronti di Wall Street. 

Nelle ultime settimane, la Yellen e Wally Adeyemo, la candidata di Biden a vice segretario del Tesoro, hanno fatto un tour virtuale di ascolto dei gruppi industriali in tutta Washington. Secondo le persone che hanno partecipato a queste sessioni, le due hanno sottolineato la necessità di creare una “crescita equa”, utilizzando gli strumenti del Dipartimento del Tesoro per combattere il cambiamento climatico e ricostruire le istituzioni di regolamentazione come la F.S.O.C. “C’è un’enfasi sulle persone che lavorano, la giustizia razziale e la disuguaglianza, e questo è un buon punto di partenza”, ha detto Lisa Donner, direttore esecutivo di Americans for Financial Reform, un gruppo di sostegno che ha incontrato la Yellen questo mese. “Ma rovesciare le cose che l’attuale Dipartimento del Tesoro ha fatto non è sufficiente”. 

Americans for Financial Reform, un’organizzazione di sinistra che ha passato gli ultimi quattro anni in gran parte esclusa dal Dipartimento del Tesoro, vuole che la  Yellen stabilisca una nuova direzione per il F.S.O.C., che ha il potere di sottoporre le grandi società finanziarie a una sorveglianza più rigorosa. Esso è stato creato dalla legge Dodd Frank del 2010 per evitare il ripetersi di quanto accaduto nel periodo precedente la crisi finanziaria, quando imprese come il gigante assicurativo AIG hanno fatto scommesse rischiose al di fuori della portata delle autorità di regolamentazione e quindi hanno dovuto essere salvate dai contribuenti.

Il suo potere è stato annullato sotto l’amministrazione Trump, che ha liberato AIG e altre tre società finanziarie da una sorveglianza più rigorosa. Americans for Financial Reform ha esortato la Yellen e i funzionari di transizione a sfruttare il potere del F.S.O.C. per designare il cambiamento climatico come un “rischio sistemico” e creare strumenti per limitare la leva finanziaria degli hedge fund, che sono solo troppo leggermente regolamentati. 

La  Yellen ha probabilmente in mente un nuovo approccio normativo. L’anno scorso ha chiesto un “nuovo DoddFrank”, sostenendo, in occasione di un evento della Brookings Institution, che le leggi esistenti erano insufficienti per affrontare i problemi del settore bancario “ombra” emersi quando la pandemia ha causato gravi turbolenze di mercato. L’ex presidente della Fed ha anche dimostrato di essere disposta a punire le banche per i misfatti, se giustificati. Nel 2018, l’ultimo giorno di lavoro della signora Yellen, la Fed ha chiesto alla Wells Fargo di sostituire quattro membri del suo consiglio di amministrazione di 16 persone per non aver adeguatamente supervisionato la banca in uno scandalo di frode. Ma l’esperienza di Yellen alla Federal Reserve e la sua comprensione del sistema bancario hanno alleviato le preoccupazioni di alcuni nel settore finanziario che potrebbero altrimenti diffidare del fatto che l’amministrazione democratica in arrivo avrebbe rapidamente introdotto nuove e onerose regole. 

Negli incontri con i gruppi dei servizi finanziari, la Yellen ha indicato che l’aiuto alla creazione e alla supervisione degli sforzi di soccorso economico dell’amministrazione Biden sarà inizialmente la sua massima priorità. “E’ estremamente esperta del sistema bancario; conosce bene la forza e il ruolo delle grandi banche, compreso il ruolo positivo che hanno svolto nell’ultimo anno”, ha detto Kevin Fromer, amministratore delegato del Financial Services Forum, un gruppo di lobbying che ha anche incontrato la Yellen questo mese. La Yellen dovrà ricusare se stessa dalle questioni del Tesoro che coinvolgono alcune istituzioni finanziarie a seguito di un accordo etico che ha firmato quando ha reso noti i discorsi a pagamento che ha tenuto alle grandi società e alle banche di Wall Street dopo aver lasciato la Federal Reserve nel 2018. 

Secondo la sua rivelazione finanziaria, che è stata rilasciata la notte di Capodanno, la signora Yellen ha guadagnato più di 7 milioni di dollari di compensi per i suoi discorsi da aziende come Goldman Sachs, Citigroup e Citadel. 

Jeff Hauser, il direttore del Revolving Door Project, ha chiesto alla signora Yellen di pubblicare il contenuto dei suoi discorsi. Ma ha detto che erano meno preoccupanti di alcuni dei lavori di consulenza che gli altri candidati di Biden hanno svolto negli ultimi anni per aziende come Blackstone, un gigantesco asset manager gestito da Stephen Schwarzman, e la società di data mining Palantir. Il team di transizione di Biden ha rifiutato di rendere pubblici i video o le trascrizioni dei discorsi, notando che di solito partecipava a discussioni non scritte sull’economia. “Yellen non ha fatto commenti preparati ai suoi interventi; la maggior parte erano conversazioni in poltrona dove rispondeva alle domande di un moderatore e alcuni dei quali erano giornalisti”, ha detto Sean Savett, un portavoce della transizione Biden. “Ha già firmato accordi etici che regolano il suo rapporto con queste entità, e naturalmente si atterrà a tutti i richiami del caso”. 

I Repubblicani della Commissione Finanze del Senato potrebbero interrogare la Yellen sulle tariffe per i discorsi, ma è improbabile che i Democratici facciano pressioni sulla questione. “Questa è la peggiore crisi economica degli ultimi 100 anni, e nessuno è più qualificato del Segretario designato Yellen per guidare la ripresa economica”, ha detto il senatore Ron Wyden dell’Oregon, che diventerà il presidente del Comitato finanziario quando i Democratici prenderanno il controllo del Senato. “Lei merita molto del credito per la più lunga espansione economica della nostra storia, che è durata fino alla pandemia”. 

Il processo di conferma dovrebbe essere relativamente agevole. Il senatore Charles E. Grassley dell’Iowa, attualmente presidente repubblicano del Comitato finanziario, ha parlato in modo positivo della Yellen da quando Biden l’ha scelta per il lavoro. Grassley ha detto venerdì di aver parlato con la  Yellen e di averle sottolineato l’importanza della cooperazione con la supervisione del Congresso, e ha anche espresso la preoccupazione che gli aumenti delle tasse e una maggiore regolamentazione possano rallentare la ripresa economica. 

Nel 2014 il Senato ha confermato la presidenza di Yellen con un voto di 56 a 26. Mentre la Yellen, un’economista di formazione, ha una profonda conoscenza della politica monetaria, il portafoglio del Dipartimento del Tesoro è vasto. Probabilmente dovrà affrontare domande sulle relazioni economiche dell’America con la Cina, la sua posizione sulla politica delle sanzioni in relazione all’Iran e le sue riflessioni sulla politica fiscale. Potrebbe anche affrontare domande su argomenti spinosi di cui si occupa il Tesoro, come ad esempio se Harriet Tubman debba essere il volto della banconota da 20 dollari, un’iniziativa dell’amministrazione Obama che Mnuchin ha lasciato cadere.

Prima dell’udienza della Yellen, diversi gruppi hanno detto di essere entusiasti del cambiamento di tono e di personale al Tesoro. Mnuchin ha gestito il dipartimento con un piccolo staff ed è stato molto ricettivo nei confronti dei dirigenti delle grandi banche e delle aziende. Luz Urrutia, amministratore delegato di Opportunity Fund e Accion Opportunity Fund, ha detto di essere venuta via sentendosi fiduciosa dopo un incontro con la Yellen il mese scorso sulle istituzioni finanziarie per lo sviluppo della comunità. L’amministrazione Trump ha cercato ripetutamente di tagliare i finanziamenti per i programmi di sovvenzione del Fondo CDFI, che il Tesoro supervisiona. La Yellen ha detto al gruppo che voleva espandere la capacità di prestito delle CDFI in modo che potessero servire meglio le comunità minoritarie. “Non pensavano che le CDFI fornissero il livello di impatto e la capacità di servire queste comunità”, ha detto la Urrutia dell’amministrazione Trump. “E’ una netta differenza tra Yellen e l’attuale amministrazione”. 

Nella sua testimonianza, la Yellen chiarirà che promuovere una maggiore uguaglianza è una priorità. “La gente si preoccupa di una ripresa a forma di K, ma ben prima che COVID-19 contagiasse un singolo americano, vivevamo in un’economia a forma di K, una in cui la ricchezza veniva costruita sulla ricchezza mentre le famiglie lavoratrici erano sempre più indietro”, dirà. “Questo vale soprattutto per le persone di colore”. È probabile che la candidata sottolinei la necessità di promuovere una maggiore uguaglianza. 

Questa voce è stata pubblicata in FinanzCapitalismo. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento