Quanti grandi elettori ci vogliono ancora per rientrare nell’accordo sul clima di Parigi?

 

Mentre siamo tutto in attesa dei risultati delle elezioni Usa diamo spazio ad una dichiarazione dell’ultim’ora rilasciata da Joe Biden che non sembra interessare i nostri media.

Solo ieri il  New York ci ricordava in un lungo ed argomentato articolo che gli Stati Uniti sono ufficialmente fuori dall’accordo sul clima di Parigi che hanno abbandonato 3 anni fa.

Da mercoledì, secondo le regole delle Nazioni Unite, gli Stati Uniti sono ufficialmente fuori dall’accordo globale sul clima. Ecco come è successo, cosa significa e cosa potrebbe succedere dopo. Come siamo arrivati a questo punto? Potreste essere perdonati per aver pensato che gli Stati Uniti hanno abbandonato l’accordo globale sul cambiamento climatico molto tempo fa.
Dal 2017, quando il presidente Trump ha annunciato l’intenzione di abbandonarlo, ha parlato di ritiro come se fosse un accordo già fatto. In realtà, però, il ritiro dal patto di Parigi è stato un processo lungo. Il 4 novembre 2019, il primo giorno utile, secondo le regole delle Nazioni Unite perchè un Paese possa iniziare il processo di ritiro definitivo, il Segretario di Stato Mike Pompeo ha presentato le carte per farlo. Il processo si è concluso automaticamente un anno dopo. Così, a partire da mercoledì mattina, gli Stati Uniti non fanno più ufficialmente parte del gruppo di nazioni che si sono impegnate ad affrontare il cambiamento climatico.
Il presidente Trump ha definito l’accordo di Parigi “ammazza-lavoro” e ha detto che “punirà il popolo americano e arricchirà gli inquinatori stranieri”. Tecnicamente, però, l’accordo di Parigi non richiede agli Stati Uniti di fare nulla. In realtà, non è nemmeno un trattato. È un accordo non vincolante tra nazioni di tutti i livelli di ricchezza e di responsabilità per la causa del cambiamento climatico per ridurre le emissioni interne. L’accordo lega essenzialmente in un unico forum l’impegno volontario di ogni nazione in materia di emissioni, con l’intesa che le nazioni fisseranno obiettivi ancora più severi nel tempo.
Gli Stati Uniti sotto il presidente Barack Obama hanno promesso di ridurre le loro emissioni di circa il 28% rispetto ai livelli del 2005 entro il 2025, ma i progressi su questo obiettivo si sono fermati sotto l’amministrazione Trump. Ci sono alcuni requisiti di rendicontazione per garantire che i Paesi stiano facendo progressi, ma l’amministrazione Trump li ha ignorati e finora non ha subito alcuna conseguenza.
Chi è ancora nel patto e cosa sta facendo? Quasi tutti i Paesi del mondo. Dei 195 Paesi che hanno firmato l’Accordo di Parigi, 189 hanno adottato formalmente l’accordo. Inizialmente il Nicaragua e la Siria hanno rifiutato il loro sostegno al patto, ma alla fine entrambi hanno aderito all’accordo. A partire da mercoledì, oltre agli Stati Uniti, i Paesi che inizialmente avevano firmato ma che non avevano adottato formalmente l’Accordo di Parigi lo sono: Angola, Eritrea, Iran, Iraq, Sud Sudan, Turchia e Yemen. Finora nessun altro Paese ha seguito gli Stati Uniti nella rinuncia all’accordo di Parigi. A un certo punto il presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha minacciato di farlo, ma poi ha invertito la rotta.
Nelle ultime settimane c’è stata un’ondata di ambiziosi impegni climatici da parte dell’Europa e dell’Asia. Il Parlamento europeo ha votato il mese scorso per ridurre le emissioni del 60% entro il 2030, con l’obiettivo di raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2050. Tale misura sarà ora presa in considerazione dal Consiglio dei ministri dell’Unione Europea. La Cina ha promesso di diventare carbon neutral entro il 2060. A questo impegno hanno fatto seguito quelli della Corea del Sud e del Giappone, che hanno entrambi promesso di azzerare le emissioni nette entro il 2050. “C’è uno slancio che continua a crescere anche con il ritiro degli Stati Uniti”, ha detto Alden Meyer, direttore dell’Union of Concerned Scientists e veterano di 30 anni di negoziati internazionali sul clima. “
“La domanda è: “Continuerà senza la piena partecipazione degli Stati Uniti? Gli Stati Uniti aumenteranno le emissioni di gas serra? Non necessariamente. Lasciare l’accordo di Parigi non significa di per sé che gli Stati Uniti smetteranno di affrontare il cambiamento climatico. D’altra parte, significa che il governo federale ha formalmente abbandonato, almeno per ora, l’obiettivo del presidente Obama di ridurre le emissioni di circa il 28 per cento rispetto ai livelli del 2005 entro il 2025. In realtà, gli Stati Uniti sotto il presidente Trump si sono allontanati da questo obiettivo anni fa. Ora come ora, siamo a metà strada verso l’obiettivo di Obama e non siamo sulla buona strada per raggiungerlo. Quindi, se da un lato le emissioni probabilmente non aumenteranno, dall’altro non scenderanno abbastanza velocemente da evitare i peggiori effetti del cambiamento climatico. Il ritiro degli Stati Uniti è definitivo? No. Qualsiasi futuro presidente potrebbe decidere di rientrare. L’ex vicepresidente Joseph R. Biden Jr. ha promesso che ricommetterà gli Stati Uniti all’accordo di Parigi il primo giorno. In termini pratici, ciò significa che il giorno dell’inaugurazione, il 20 gennaio, la sua amministrazione invierà una lettera alle Nazioni Unite per notificare l’intenzione dell’America di tornare a farne parte. Il ritorno americano sarebbe diventato ufficiale 30 giorni dopo. Altri Paesi darebbero molto probabilmente a un’amministrazione Biden un po’ di tempo per rimettersi in piedi, ma vorrebbero anche vedere rapidamente forti segnali che gli Stati Uniti hanno piani sostanziali per ridurre le emissioni interne di automobili, centrali elettriche e altre fonti. Quando gli Stati Uniti si uniranno ad altri Paesi alla prossima conferenza sul clima delle Nazioni Unite, prevista a Glasgow nel novembre del prossimo anno, ci si aspetterebbe un obiettivo di riduzione delle emissioni ancora più ambizioso di quello dell’era Obama. Se gli Stati Uniti rimanessero fuori dall’accordo, potrebbero ancora avere voce in capitolo nei negoziati sul clima delle Nazioni Unite. Questo perché sarebbe ancora membro della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, l’organismo che ha creato l’Accordo di Parigi. L’America, tuttavia, sarebbe ridotta allo status di osservatore, il che significa che i suoi negoziatori sarebbero autorizzati a partecipare alle riunioni e a lavorare con altri Paesi per definire i risultati, ma non potrebbero votare sulle decisioni. “Avrebbero comunque un’influenza, ma niente di simile a quella che avrebbero come attori a pieno titolo”, ha detto Meyer.

ieri 

Questa voce è stata pubblicata in Comunità sociale, Libero Ambiente. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento