L’interregno pericoloso dell’America

di Barry Eichengreen (prof. economia Università della California, Berkeley, ex consigliere politico senior FMI)

Il comportamento del presidente uscente degli Stati Uniti Donald Trump da qui all’inaugurazione a gennaio del suo successore, Joe Biden, sarà probabilmente tanto ostruzionista quanto la sua amministrazione era caotica. Biden dovrebbe trarre due lezioni da un precedente presidente degli Stati Uniti in carica che non ha gestito bene la sconfitta.

BERKELEY – Le transizioni presidenziali non sono mai facili, soprattutto quando coinvolgono un presidente in carica sconfitto alle urne. Ma questa volta la transizione avviene nel mezzo di una crisi senza precedenti. L’incumbent rifiuta di riconoscere il voto come un rifiuto delle sue politiche e ha un’avversione viscerale per il presidente eletto, che accusa di disonestà e liquida perché troppo fragile per assumere le funzioni. Denuncia il suo successore come socialista, un sostenitore di politiche che metteranno il paese sulla strada della rovina.
L’anno era il 1932 e il passaggio da Herbert Hoover a Franklin D. Roosevelt avvenne nel mezzo di una depressione economica e di una crisi bancaria senza precedenti. Il presidente uscente, Hoover, aveva un’intensa avversione per il suo successore, la cui incapacità di preoccuparsi non era una mancanza di acutezza mentale, ma piuttosto la conseguenza della parziale paralisi di Roosevelt. Definì FDR un “camaleonte in plaid” e lo accusò di spacciare “dal fondo del mazzo”. Nella sua campagna e successivamente, Hoover insinuò che le tendenze socialiste di FDR avrebbero messo il paese in una “marcia verso Mosca”.
Allora, l’interregno durò quattro mesi, durante i quali il presidente zoppo e il Congresso federo poco o nulla per affrontare la crisi in corso. Le corse agli sportelli bancari e il panico si stavano diffondendo in modo contagioso, costringendo un governatore dopo l’altro a chiudere i propri sistemi bancari. Ma Hoover rifiutò di dichiarare unilateralmente un giorno festivo. Quando avvenne l’inaugurazione della presidenza di FDR nel marzo 1933, il sistema bancario e l’intera economia erano praticamente a un punto morto.
Hoover era consapevole della crisi. Ma era ideologicamente contrario all’intervento del governo federale. Ed era giustamente convinto delle sue opinioni.
Ora possiamo aspettarci un comportamento simile dal presidente zoppo americano, Donald Trump. Per ideologia e irritazione, sembra probabile che si rifiuti di fare qualsiasi cosa contro il coronavirus infuriato. La domanda è fino a che punto si spingerà per impedire gli sforzi del presidente eletto Joe Biden per affrontarlo una volta assunto l’incarico. Trump proibirà ai membri della sua task force sul coronavirus e ad altri incaricati di informare il team di transizione? Tratterrà le informazioni sull’operazione Warp Speed, lo sforzo del governo per produrre un vaccino COVID-19?
Hoover, non vedendo la necessità di nuove politiche, ha fatto tutto quanto in suo potere per limitare le opzioni del presidente entrante. Credente nella santità del gold standard, chiese a FDR di rilasciare una dichiarazione a sostegno del suo mantenimento come un modo per rafforzare la fiducia. Incoraggiò il presidente eletto ad appoggiare, e persino raccomandare, i membri della delegazione statunitense nominata da Hoover alla conferenza internazionale prevista per discutere i debiti di guerra europei e il ripristino del gold standard a livello mondiale.
FDR riconobbe il pericolo di legarsi le mani e rifiutò di impegnarsi prima di assumere l’incarico. Quando il presidente eletto lo respinse, Hoover rilasciò con rabbia copie delle loro comunicazioni, infiammando l’opinione pubblica.
Allo stesso modo, possiamo aspettarci che Biden respinga le suppliche di Trump – se ce ne sono – e che eviti impegni che limitano il suo spazio di manovra politica. Ma Trump lo ha già costretto in altri modi. In particolare, gli incaricati giudiziari di Trump sfideranno lo sforzo del nuovo presidente di fare politica attraverso l’ordine esecutivo e la direttiva normativa. Nel frattempo, gli sforzi per far avanzare la legislazione e confermare i candidati alle posizioni amministrative saranno probabilmente frustrati dal leader della maggioranza al Senato Mitch McConnell, assumendo che non ci siano ulteriori sorprese elettorali dalla Georgia (uno stato che Biden sembra aver vinto dove a gennaio ci saranno le elezioni di ballottaggio per due seggi al Senato).
Il passaggio da Hoover a Roosevelt avvenne in un momento pericoloso. Crescevano mobilitazioni politiche spontanee di ogni tipo. Un esercito di oltre 43.000 veterani della prima guerra mondiale e le loro famiglie erano scesi a Washington, DC, a metà del 1932, chiedendo il pagamento dei certificati di servizio dei loro veterani. Furono dispersi violentemente, con perdita di vite umane, dalla polizia di Washington e dall’esercito americano del generale Douglas MacArthur. Quell’episodio ebbe un ruolo non da poco nella sconfitta elettorale di Hoover (un risultato che avrebbe potuto servire da monito a Trump, che allo stesso modo ha chiamato le truppe per disperdere i manifestanti).
Inoltre, ci sono state proteste, alcune violente, contro le aste di preclusione che si svolgono sui gradini dei tribunali in tutto il paese. C’era un crescente sostegno popolare per i politici estremisti come Huey Long della Louisiana. Disagio, disoccupazione e disperazione economica formavano lo sfondo sul quale Giuseppe Zangara, un muratore disoccupato con problemi fisici e mentali e visioni anti-sistema estreme, tentò di assassinare Roosevelt 17 giorni prima dell’inaugurazione.

Questa voce è stata pubblicata in Comunità sociale. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento