I piani Covid minacciano il clima globale

La prospettiva di una ripresa verde globale dalla pandemia del coronavirus è in bilico, dal momento che i paesi versano denaro nell’economia dei combustibili fossili per evitare una recessione devastante, rivela un’analisi per il Guardian.

Nel frattempo, le promesse di una spinta a basso contenuto di carbonio non si concretizzano. Solo una manciata di grandi paesi sta pompando fondi per il salvataggio in progetti a bassa emissione di carbonio, come l’energia rinnovabile, i veicoli elettrici e l’efficienza energetica.

Una nuova classifica di Guardian trova in prima linea la EU che dedica il 30% dei suoi 750 miliardi di euro (677 miliardi di sterline) al Next Generation Recovery Fund. Francia e Germania hanno stanziato rispettivamente circa 30 miliardi e 50 miliardi di euro di stimoli aggiuntivi per la spesa ambientale.

Dall’altro lato della scala, la Cina sta facendo il peggiore dei peggiori progressi tra le maggiori economie, con solo lo 0,3% del suo pacchetto – circa 1,1 miliardi di sterline – destinato a progetti verdi.

Negli Stati Uniti, prima delle elezioni, solo circa 26 miliardi di dollari (19,8 miliardi di sterline), o poco più dell’1%, della spesa annunciata era verde.

In almeno 18 delle più grandi economie mondiali, a più di sei mesi dalla prima ondata di blocchi all’inizio della primavera, i pacchetti di salvataggio pandemico sono dominati da spese che hanno un impatto ambientale dannoso, come i salvataggi per il petrolio o le nuove infrastrutture ad alto contenuto di carbonio, che, secondo l’analisi, superano i benefici climatici positivi di qualsiasi spesa verde.

Solo quattro paesi – Francia, Spagna, Regno Unito e Germania – e l’UE hanno pacchetti che produrranno un beneficio ambientale netto. “L’ambiente naturale e il cambiamento climatico non sono stati una parte fondamentale del pensiero nella maggior parte dei piani di ripresa”, ha detto Jason Eis, amministratore delegato di Vivid Economics, che ha compilato l’indice per il Guardian. “Nella maggior parte dei Paesi non stiamo assistendo a una ripresa verde”.

Anche i Paesi che si sono vantati di piani di recupero verdi spesso spendono molto di più in attività che mantengono o aumentano le emissioni di gas serra. La Corea del Sud ha definito i piani per un nuovo accordo verde a luglio, del valore di circa 135 miliardi di dollari. Ma la sua continua spesa per i combustibili fossili e le industrie ad alta intensità di carbonio significa che si colloca solo all’ottavo posto nel mondo per l’ecologia del suo stimolo.

Il Canada, analogamente, sta spendendo 6 miliardi di dollari canadesi (3,5 miliardi di sterline) dei suoi finanziamenti per le infrastrutture per l’isolamento delle case, il trasporto ecologico e l’energia pulita, ma il suo pacchetto di salvataggio totale vale più di 300 miliardi di dollari e contiene misure come una massiccia espansione stradale e sgravi fiscali per le aziende di combustibili fossili.

L’India sta spendendo circa 830 milioni di dollari per la sua economia verde, ma i piani per sostenere il carbone hanno trascinato giù le sue prestazioni.

L’elezione di Joe Biden a presidente degli Stati Uniti, tuttavia, ha il potenziale per trasformare la ripresa verde a livello globale, come dimostra l’analisi Vivid. Anche se potrebbe affrontare una maggioranza repubblicana al Senato, se i piani di Biden per uno stimolo verde di 2tn dollari venissero attuati in pieno, gli Stati Uniti supererebbero l’UE come il più grande investitore in un futuro a basse emissioni di carbonio. “Sarebbe una svolta trasformativa”, ha detto Eis. “Sono piani molto audaci da parte di Biden, e sarebbe un segnale enorme per gli altri paesi”. “Significherebbe che gli Stati Uniti potrebbero iniziare una corsa verso una dinamica globale, soprattutto con la Cina, per una ripresa verde”. Biden vuole dare impulso alle energie rinnovabili, alimentando gli Stati Uniti interamente con energia pulita entro il 2035 e raggiungendo lo zero emissioni nette entro il 2050, investendo 1,7 miliardi di dollari nel prossimo decennio, con l’aspettativa che gli investimenti privati portino il totale a 5 miliardi di dollari. Tuttavia, i suoi piani devono passare attraverso un Senato Repubblicano ostile e dovranno affrontare l’opposizione e le possibili contestazioni legali da parte di settori del business americano, e potenzialmente da parte di alcuni stati.

Eppure, anche se solo una parte dei piani verdi di Biden dovesse sopravvivere intatta, questo potrebbe ancora avere un potente effetto di trasformazione sia sull’economia statunitense che su quella mondiale, ha detto Eis. “Ci si aspetterebbe un qualche compromesso, ma rispetto a dove si trovano ora gli Stati Uniti ci sarebbe un enorme cambiamento [nella spesa verde] sotto la presidenza di Biden”, ha detto. “Molti altri Paesi sono influenzati dalla percezione della leadership degli Stati Uniti. Avere gli Stati Uniti al tavolo del G20 a spingere per una ripresa verde sarebbe certamente d’aiuto”.

I paesi che non sono riusciti ad avviare una ripresa verde non avevano il potenziale per creare milioni di posti di lavoro, ha aggiunto Ed Barbier, professore di economia alla Colorado State University, il cui storico studio sulla crisi finanziaria del 2008 ha classificato la ripresa come circa il 16% verde.

“C’è un enorme potenziale di incremento dell’occupazione, in particolare nell’edilizia”, ha detto, indicando misure come l’installazione di isolamento domestico, pannelli solari e infrastrutture per la ricarica delle auto elettriche, che sono ad alta intensità di manodopera e spesso “pronte a spalare”.

Se da un lato i Paesi non riescono a ottenere una ripresa verde, dall’altro sono anche in ritardo rispetto agli obblighi previsti dall’accordo di Parigi sul clima.

L’Agenzia Internazionale per l’Energia ha calcolato, esclusivamente per il Guardian, che i paesi stanno pianificando tagli alle emissioni che ammontano solo al 15% delle riduzioni necessarie per rispettare l’accordo di Parigi.

L’AIE ha anche rilevato che le emissioni della Cina, che sono diminuite nelle fasi iniziali della pandemia, sono già tornate ai livelli del 2019. Fatih Birol, direttore esecutivo dell’AIE, ha detto: “La Cina non ha ancora iniziato una ripresa verde. Ma non hanno ancora perso l’opportunità di un reset cinese, se la Cina cambierà il suo prossimo piano quinquennale [che sarà definito nel marzo prossimo]. Qualunque cosa la Cina costruisca ora dovrebbe essere verde”.

Senza la Cina, una ripresa verde globale sembra impossibile. “Se la Cina non propone pacchetti di recupero verde, mettendo un nuovo piano quinquennale in linea con l’obiettivo dello zero netto, le possibilità del mondo di raggiungere i suoi obiettivi climatici saranno vicine allo zero”, ha avvertito Birol. Climate Action Tracker (CAT), un’analisi scientifica indipendente, ha rilevato che i governi di molti paesi, lungi dal dare priorità alla crescita a basse emissioni di carbonio, stavano rafforzando le industrie ad alta intensità di carbonio e allentando le normative ambientali.

Niklas Höhne, del NewClimate Institute, una delle organizzazioni partner dietro CAT, ha avvertito: “Quello che stiamo vedendo di più è che i governi stanno usando la ripresa pandemica per ridurre la legislazione sul clima e salvare l’industria dei combustibili fossili, specialmente negli Stati Uniti, ma anche in Brasile, Messico, Australia, Sudafrica, Indonesia, Russia, Arabia Saudita e altri paesi”. L’economista del clima Nicholas Stern ha detto che i paesi hanno ancora tempo per passare a una nuova fase in cui la spesa verde potrebbe essere prioritaria.

La maggior parte dei 12 miliardi di dollari iniziali in pacchetti di salvataggio in tutto il mondo sono andati per aumentare la liquidità, sostenere gli stipendi e impedire che le aziende vadano in bancarotta, il che ha offerto poche opportunità per l’ecologizzazione. Quando si passerà alla fase successiva, tra qualche mese, i paesi dovranno avere piani ecologici pronti, ha detto Lord Stern.

Questa voce è stata pubblicata in Comunità sociale, FinanzCapitalismo. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento