L’anno della peste

Warren Harding costruì la campagna per le elezioni presidenziali del 1920 intorno alla sua nuova parola “normalità”. Era un appello al supposto bisogno degli americani di dimenticare gli orrori della prima guerra mondiale e dell’influenza spagnola e di tornare alle certezze dell’età dell’oro. 

Eppure, invece di abbracciare la normalità di Harding, i ruggenti anni Venti divennero un fermento di novità sociali, industriali e artistiche lungimiranti e rischiose. La guerra aveva qualcosa a che fare con la mancanza di inibizione dell’età del jazz. Così come la pandemia di influenza, che uccise sei volte più americani e lasciò i sopravvissuti con la voglia di vivere gli anni Venti in velocità. 

Questo spirito animerà anche gli attuali anni Venti. La portata delle sofferenze della covid-19, le ingiustizie e i pericoli che la pandemia ha rivelato, e la promessa di innovazione fanno sì che sarà ricordato come l’anno in cui tutto è cambiato. La pandemia è stato un evento di quelli che si verificano una volta ogni secolo. La SARS-CoV-2 è stata trovata in più di 70 milioni di persone e forse ne ha infettati altri 500 milioni più che non sono mai stati diagnosticati. Ha causato 1,6 milioni di morti registrate; molte centinaia di migliaia di persone non sono state registrate. Milioni di sopravvissuti vivono con l’esaurimento e le infermità della “lunga covid”. La produzione economica mondiale è almeno del 7% inferiore a quanto sarebbe stata altrimenti, il più grande crollo dalla seconda guerra mondiale. 

Dalle ceneri di tutta quella sofferenza emergerà il senso che la vita non è da accaparrarsi, ma da vivere. Un altro motivo per aspettarsi un cambiamento – o, almeno, per desiderarlo – è che il covid-19 è servito da monito. Gli 80 miliardi di animali macellati ogni anno per il cibo e la pelliccia sono capsule per i virus e i batteri che ogni decennio circa si evolvono in un agente patogeno mortale per l’uomo. Quest’anno il conto è arrivato a scadenza ed è stato astronomico. 

I cieli azzurri e limpidi che sono apparsi quando l’economia è andata in crisi sono stati un potente simbolo di come il covid-19 sia una crisi in rapida evoluzione all’interno di un’altra crisi che si muove lentamente e che per certi versi gli assomiglia. Come la pandemia, il cambiamento climatico è impenetrabile alle negazioni populiste, globale nella perturbazione che provoca e sarà molto più costoso da affrontare in futuro se viene trascurato ora. 

E una terza ragione per aspettarsi un cambiamento è che la pandemia ha messo in evidenza l’ingiustizia. I bambini sono rimasti indietro nelle lezioni e troppo spesso sono rimasti affamati. Ci sono studenti che hanno abbandonato la scuola e i laureati che hanno visto ancora una volta le loro prospettive allontanarsi. Persone di tutte le età hanno sopportato la solitudine o la violenza in casa. I lavoratori migranti sono stati gettati alla deriva, o rimandati nei loro villaggi, portando con sé la malattia. 

Le sofferenze sono state alterate dalla razza. Un ispano-americano di 40 anni ha 12 volte più probabilità di morire di covid-19 rispetto a un americano bianco della stessa età. A San Paolo i brasiliani neri sotto i 20 anni hanno il doppio delle probabilità di morire rispetto ai bianchi. Con il mondo che si è adattato, alcune di queste iniquità sono peggiorate. Gli studi suggeriscono che circa il 60% dei posti di lavoro in America che pagano più di 100.000 dollari può essere fatto da casa, rispetto al 10% dei posti di lavoro che pagano meno di 40.000 dollari. 

Con l’aumento della disoccupazione di quest’anno, l’indice MSCI dei mercati azionari mondiali è salito dell’11%. Nel peggiore dei casi, secondo l’ONU, la pandemia potrebbe costringere oltre 200 milioni di persone a vivere in condizioni di estrema povertà. La loro situazione sarà aggravata da autoritari e aspiranti tiranni che hanno sfruttato il virus per stringere la loro morsa sul potere. 

Forse è per questo che in passato le pandemie hanno portato a sconvolgimenti sociali. Il FMI ha esaminato 133 paesi nel 2001-18 e ha scoperto che i disordini sono aumentati circa 14 mesi dopo l’insorgenza della malattia, raggiungendo il culmine dopo 24 mesi. Più una società è disuguale, più i disordini aumentano. Infatti, il FMI mette in guardia da un circolo vizioso in cui la protesta aumenta ulteriormente il disagio che, a sua volta, alimenta la protesta. 

Fortunatamente, il covid-19 non ha solo portato alla necessità di un cambiamento, ma indica anche una via da seguire. Questo in parte perché è servito come motore di innovazione. In otto settimane l’e-commerce come quota delle vendite al dettaglio americane è aumentato quanto nei cinque anni precedenti. Dato che la gente lavorava da casa, i viaggi nella metropolitana di New York sono diminuiti di oltre il 90%. Quasi da un giorno all’altro, le attività come questo giornale hanno cominciato ad essere gestite da stanze vuote e da tavoli da cucina: un esperimento che altrimenti avrebbe richiesto anni, seppure si sarebbe mai verificato. 

Questa perturbazione è agli albori. La pandemia è la prova che il cambiamento è possibile anche in industrie conservatrici come quella sanitaria.

Alimentata da capitali a basso costo e da nuove tecnologie, tra cui l’intelligenza artificiale e, possibilmente, il calcolo quantistico, l’innovazione brucerà industria dopo industria. Ad esempio, i costi dei college e delle università americane sono aumentati quasi cinque volte più velocemente dei prezzi al consumo negli ultimi 40 anni, anche se l’insegnamento è cambiato a malapena, il che lo rende allettante per i disgregatori. Ulteriori progressi tecnologici nelle fonti di energia rinnovabili, nelle reti intelligenti e nell’immagazzinamento delle batterie sono tutti passi vitali sulla via della sostituzione dei combustibili fossili. 

Il coronavirus ha anche rivelato qualcosa di profondo sul modo in cui le società dovrebbero trattare la conoscenza. Si consideri come gli scienziati cinesi hanno sequenziato il genoma della SARS-CoV-2 in poche settimane e lo hanno condiviso con il mondo. I nuovi vaccini che ne sono scaturiti sono solo una tappa del progresso alla velocità della luce che ha chiarito da dove proviene il virus, chi colpisce, come uccide e cosa potrebbe trattarlo. È una dimostrazione notevole di ciò che la scienza può ottenere. In un momento in cui le cospirazioni si scatenano, questa ricerca si pone come un rimprovero ai saputi e ai fanatici delle dittature e delle democrazie che si comportano come se la prova di una rivendicazione non fosse nulla rispetto all’identità della persona che la rivendica. 

E la pandemia ha portato a un’esplosione di governo innovativo. Quelli che possono permetterselo – e alcuni, come il Brasile, che non possono – hanno soppresso la disuguaglianza spendendo oltre 10 trilioni di dollari nella crisi covid-19, tre volte di più in termini reali che nella crisi finanziaria. Questo resetterà drasticamente le aspettative dei cittadini su ciò che i governi possono fare per loro. Molte persone in isolamento si sono chieste cosa conta di più nella vita. I governi dovrebbero prendere questa come ispirazione, concentrandosi su politiche che promuovano la dignità individuale, la fiducia in se stessi e l’orgoglio civico. Dovrebbero riformulare il welfare e l’educazione e assumere concentrazioni di potere radicate in modo da aprire nuove soglie per i loro cittadini. Qualcosa di buono può venire dalla miseria dell’anno della peste. Dovrebbe includere un nuovo contratto sociale adatto al 21° secolo.

 

The Economist 17/12/20

Questa voce è stata pubblicata in FinanzCapitalismo. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento