La falsa dicotomia dell’autocrazia e della democrazia

Di Yuen Yuen Ang (prof.scienze politicha Universita del Michigan- Ann Arbor)


Molti descrivono l’odierna rivalità sino-americana come un’epica battaglia tra autocrazia e democrazia e concludono che il governo autoritario è superiore. Ma un simile verdetto è semplicistico e persino pericolosamente fuorviante, per tre ragioni.
ANN ARBOR – A differenza della vecchia gara di superpotenze tra Stati Uniti e Unione Sovietica, l’incipiente guerra fredda tra Cina e Stati Uniti non riflette un conflitto fondamentale di ideologie inalterabili. Invece, l’odierna rivalità sino-americana è comunemente dipinta come un’epica battaglia tra autocrazia e democrazia.
Inoltre, i fatti sembrano suggerire che l’autocrazia abbia vinto mentre la democrazia è crollata. Mentre gli Stati Uniti sotto il presidente Donald Trump hanno armeggiato disastrosamente durante la pandemia COVID-19, la Cina ha tenuto sotto controllo il coronavirus. Negli Stati Uniti, anche indossare maschere per il viso è stato politicizzato. Ma a Wuhan, in Cina, l’epicentro originale della pandemia, in 10 giorni, le autorità hanno testato gli 11 milioni di abitanti della città per il virus, in una sorprendente dimostrazione di capacità e ordine. Per molti, il verdetto sembra chiaro: l’autoritarismo è superiore alla democrazia liberale.
Ma una simile conclusione è semplicistica e persino pericolosamente fuorviante, per tre ragioni. In primo luogo, proprio come gli Stati Uniti sotto Trump non sono rappresentativi di tutte le democrazie, la Cina sotto il presidente Xi Jinping non dovrebbe essere considerata un esempio di autocrazia. Altre società democratiche, come la Corea del Sud e la Nuova Zelanda , hanno gestito abilmente la pandemia e la libertà politica non ha ostacolato la capacità dei loro governi di attuare misure di contenimento dei virus.
Per quanto riguarda gli esempi di autocrazie che hanno portato la catastrofe su se stesse, non occorre guardare oltre la storia recente della Cina. Nessun leader cinese moderno deteneva un potere più personale di Mao Zedong, eppure la sua assoluta autorità portò a una forte carestia seguita da una guerra civile de facto durante la Rivoluzione Culturale. Il caos non è affatto un carattere della solo democrazia; sotto Mao, è insidiosamente servito a mantenere il suo potere.
In secondo luogo, ci sono democrazie con caratteristiche illiberali e autocrazie con caratteristiche liberali. Gli attuali problemi dell’America non riflettono un fallimento universale della democrazia, ma piuttosto il fallimento di una democrazia con i tratti illiberali che Trump ha portato alla presidenza. In qualità di comandante in capo, Trump ha ignorato le norme democratiche come l’autonomia burocratica, la separazione degli interessi privati ​​e delle cariche pubbliche e il rispetto per la protesta pacifica.
Se le democrazie possono prendere una svolta autoritaria, il contrario può essere vero nelle autocrazie. Contrariamente alla credenza popolare, l’ascesa economica della Cina dopo l’apertura del mercato nel 1978 non è stata il risultato della dittatura; se lo fosse stato, Mao ci sarebbe riuscito molto tempo prima. Invece, l’economia è cresciuta rapidamente perché il successore di Mao, Deng Xiaoping, ha insistito per mitigare i pericoli della dittatura iniettando nella burocrazia “caratteristiche democratiche”, tra cui responsabilità, concorrenza e limiti al potere. Ha dato l’esempio rifiutando i culti della personalità. (Ironia della sorte, le banconote cinesi presentano Mao, che disprezzava il capitalismo, piuttosto che Deng, il padre della prosperità capitalista cinese.)
Questa storia recente di “autocrazia con caratteristiche democratiche” sotto Deng è oggi ampiamente trascurata, anche in Cina. Come sottolinea Carl Minzner, Xi, che è diventato il leader supremo nel 2012, ha inaugurato un “revival autoritario”. Da allora, la narrativa ufficiale è che, poiché la Cina ha avuto successo sotto il controllo politico centralizzato, questo sistema dovrebbe essere mantenuto. In effetti, sotto Deng, è stato un sistema politico ibrido sposato a un fermo impegno nei mercati a spostare la Cina dalla povertà allo status di reddito medio.
Nel complesso, ciò significa che sia gli Stati Uniti che la Cina sono diventati illiberali negli ultimi anni. La lezione dagli sconvolgimenti americani di oggi è che anche una democrazia matura deve essere costantemente mantenuta per funzionare; non c’è “fine della storia”. Per quanto riguarda la Cina, apprendiamo che le tendenze liberalizzanti possono essere invertite quando il potere cambia di mano.
In terzo luogo, i presunti vantaggi istituzionali del governo dall’alto verso il basso della Cina sono sia un punto di forza che una debolezza. A causa delle sue origini rivoluzionarie, della concentrazione del potere e della penetrante portata organizzativa, il Partito Comunista Cinese (PCC) implementa tipicamente le politiche nella modalità di “campagne”, il che significa che l’intera burocrazia e società sono mobilitate per raggiungere un determinato obiettivo.
Tali campagne hanno assunto molte forme. Sotto Xi, includono le sue politiche distintive per sradicare la povertà rurale, sradicare la corruzione ed estendere la portata globale della Cina attraverso la Belt and Road Initiative.
Le campagne politiche cinesi forniscono risultati impressionanti perché devono. La campagna di lotta contro la povertà di Xi ha sollevato 93 milioni di residenti rurali dalla povertà in sette anni, un’impresa che le agenzie di sviluppo globale possono solo sognarsi di realizzare. Le autorità cinesi sono entrate in modalità campagna anche durante l’epidemia di COVID-19, mobilitando tutto il personale, l’attenzione e le risorse per contenere il virus. Questi risultati supportano l’affermazione spesso strombazzata dei media ufficiali cinesi secondo cui il potere centralizzato “concentra la nostra forza per realizzare grandi cose”.
Ma, spinti a fare tutto il necessario per raggiungere gli obiettivi della campagna, i funzionari possono falsificare i risultati o adottare misure estreme che innescano nuovi problemi lungo la strada. Nel tentativo di eliminare la povertà, le autorità cinesi stanno improvvisamente trasferendo milioni di persone da aree remote alle città, indipendentemente dal fatto che vogliano trasferirsi o siano in grado di trovare mezzi di sussistenza sostenibili. La lotta alla corruzione ha portato alla sanzione di oltre 1,5 milioni di funzionari dal 2012, provocando inavvertitamente una paralisi burocratica. E nella loro disperazione per raggiungere gli obiettivi di riduzione dell’inquinamento, alcuni funzionari locali hanno manomesso dispositivi che misurano la qualità dell’aria. I risultati grandi e rapidi raramente arrivano senza costi.
L’idea che possiamo scegliere solo tra la libertà in una democrazia in stile americano e l’ordine in un’autocrazia in stile cinese è falsa. Il vero scopo della governance è garantire il pluralismo con stabilità e ovunque i paesi devono trovare la propria strada per raggiungere questo obiettivo.
Dobbiamo anche evitare l’errore di affrettarci a emulare qualsiasi “modello” nazionale di moda, che sia quello del Giappone negli anni ’80, dell’America del dopo Guerra Fredda o della Cina odierna.
Quando si sta valutando se acquistare un’auto, si vuole conoscere non solo i suoi pro, ma anche i suoi svantaggi. Questo è il tipo di buon senso che dovremmo applicare nella valutazione di qualsiasi sistema politico. È anche un’abilità intellettuale essenziale per affrontare il nuovo clima di guerra fredda di oggi.

Questa voce è stata pubblicata in FinanzCapitalismo. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento