Gli obiettivi verdi delle banche centrali stanno sollevando bandiere rosse

] 

 

HOWARD DAVIES (primo presidente della Financial Services Authority del Regno Unito (1997-2003), è presidente del NatWest Group. È stato Direttore della London School of Economics (2003-11) ed è stato Vice Governatore della Bank of England e Direttore generale della Confederation of British Industry)

Cresce la preoccupazione che i bilanci delle banche centrali, che sono aumentati dopo un decennio di programmi di acquisto di asset, siano sbilanciati verso partecipazioni che impediscono la transizione verso un’economia verde. Ma c’è anche un profondo disaccordo su come i responsabili politici dovrebbero rispondere.

LONDRA – Potrebbe sembrare sorprendente che, tra tutte le sfide che le banche centrali stanno affrontando oggigiorno, il loro contributo alla lotta al cambiamento climatico sia salito in cima all’agenda dei politici. Ma uno sguardo più attento rivela il motivo: i bilanci delle banche centrali, che sono aumentati dopo un decennio di programmi di acquisto di attività (il cosiddetto quantitative easing) possono essere sbilanciati verso partecipazioni che impediscono la transizione verso un’economia verde.

Ad esempio, i ricercatori della London School of Economics hanno concluso che, sebbene le società di servizi energetici rappresentino solo il 5% delle obbligazioni societarie denominate in euro, hanno rappresentato il 25% degli acquisti di obbligazioni della Banca centrale europea dal 2014 al 2017. Allo stesso modo, Greenpeace stima che i combustibili fossili hanno rappresentato circa un quarto degli acquisti di attività della BCE durante la prima ondata di quantitative easing.

Detto questo, la rinnovata attenzione alla strategia di acquisto di attività della BCE in risposta alla crisi COVID-19 è comprensibile. Ma è un territorio relativamente nuovo per le banche centrali, quindi è anche comprensibile che raggiungere un consenso sul loro ruolo appropriato nella politica climatica non sia facile.

Nell’angolo verde, per così dire, troviamo Isabel Schnabel, una recluta abbastanza recente del comitato esecutivo della BCE. Sostiene che nella sua qualità di autorità di vigilanza, la BCE dovrebbe “assicurarsi che le banche valutino adeguatamente i rischi derivanti da esposizioni ad alta intensità di carbonio” e che dovrebbe tenere conto del regime di informativa (per i rischi climatici) delle società emittenti nella sua attività acquisti.

Questo approccio non sembra aver attirato il sostegno della maggioranza nel consiglio di amministrazione della BCE. Secondo il Financial Times, durante l’ultima riunione del consiglio direttivo c’è stata “una diffusa riluttanza” a prendere l’iniziativa di affrontare le questioni ambientali preferendo lasciarla ai governi “.

Per ora, la presidente della Bce Christine Lagarde è abilmente seduta sul recinto. A gennaio ha istituito un nuovo centro sul cambiamento climatico presso la sede della BCE a Francoforte. È piccolo – “una decina di dipendenti” – e “modellerà e guiderà l’agenda della BCE sui cambiamenti climatici”.

Ma in un discorso di gennaio, Lagarde ha sottolineato che la BCE contribuirà allo sforzo di combattere il cambiamento climatico “nell’ambito del suo mandato, agendo in tandem con i responsabili della politica climatica”. Secondo questa formulazione, tra “i responsabili” non sembra inclusa la banca centrale stessa, sebbene si sia lasciata un po’ di spazio di manovra.

Dall’altra parte dell’Atlantico, la Federal Reserve statunitense è arrivata piuttosto tardi a questa festa e non è ancora sicura se intende ballare. La Banque de France e la Banca d’Inghilterra (BOE) hanno guidato gli sforzi per creare la Rete per l’inverdimento del sistema finanziario (NGFS) alla fine del 2017, ma la Fed ha rifiutato di aderire fino a quando il presidente Donald Trump non ha lasciato l’incarico.

La Fed ha ora aderito, ma il linguaggio usato dalle autorità statunitensi suggerisce che vedono un ruolo piuttosto limitato per le autorità monetarie e di regolamentazione. Il presidente della Fed Jay Powell ha detto a dicembre che la Fed ha “storicamente evitato di assumere un ruolo nell’allocazione del credito” e ha osservato che la Fed non ha un mandato dal Congresso per combattere il cambiamento climatico.

Janet Yellen, il nuovo Segretario al Tesoro degli Stati Uniti, è andata oltre. Alla sua audizione di conferma al Senato, ha testimoniato di aver trovato “particolarmente preoccupante” l’idea di implementare stress test climatici sulle banche. La BOE sta facendo proprio questo quest’anno e il G30 lo ha sostenuto con forza in un recente rapporto. Ma, secondo Yellen, “i regolatori finanziari non hanno l’esperienza per fare politica ambientale”. E ha respinto fermamente “le recenti proposte per promuovere un’agenda di politica ambientale liberale attraverso la regolamentazione delle banche”.

Il punto centrale di Yellen era che gran parte della modellizzazione del rischio climatico fatto dalle banche sta modellando il rischio dell’intervento normativo, piuttosto che il rischio climatico stesso. Quindi, in base a questa analisi, gli stress test climatici per le banche sono “progettati per impedire a quelle istituzioni di detenere determinati asset come forma di punizione indiretta contro industrie sfavorite come petrolio e gas”.

Questa non è la lingua che Mark Carney avrebbe usato quando era governatore della BOE. A dire il vero, ci sono anche scettici alla BCE, come Jens Weidmann, il capo della Bundesbank, che ha chiesto cautela e sostiene solo il collegamento degli acquisti di asset alle divulgazioni sul clima. Ma nessuno si è spinto fino a Yellen nel distanziare la banca centrale dalla politica climatica.

Le discussioni all’interno dell’NGFS saranno più interessanti ora che la Fed ha aderito. I banchieri centrali verdi dovranno affinare le loro argomentazioni e spiegare perché una politica più attivista rientra nei loro mandati.

Forse era per prepararsi a quella battaglia a venire che la BCE ha invitato John Cochrane della Hoover Institution a parlare alla sua Conferenza sulla politica monetaria alla fine dello scorso anno. Il suo messaggio era intransigente:

“Le banche centrali si stanno precipitando nella politica climatica. Questo è un errore. Distruggerà l’indipendenza delle banche centrali, la loro capacità di adempiere alle loro principali missioni di controllare l’inflazione e arginare le crisi finanziarie e la fiducia delle persone nella loro imparzialità e competenza tecnica. E non aiuterà il clima.”

A parte questo, come si suol dire, è un’ottima idea.

Il nocciolo dell’argomentazione di Cochrane era che le definizioni di attività “verdi” e “marroni” sono controverse e che è impossibile valutare l’impatto di qualsiasi azione particolare della banca centrale sul riscaldamento globale. Inoltre, la BCE potrebbe subire pressioni per sostenere altri investimenti privilegiati, per ragioni meno valide e meritevoli.

Cochrane potrebbe sopravvalutare il suo caso. Ma, per contrastarlo, le banche centrali devono ancorare una politica sui cambiamenti climatici più attiva a un’interpretazione persuasiva del loro mandato principale. Ciò dovrebbe essere possibile, poiché ci sono argomenti rispettabili a favore dell’affermazione che il cambiamento climatico mette a rischio la stabilità finanziaria, e forse anche la stabilità monetaria. Il nuovo centro per il cambiamento climatico della BCE dovrebbe iniziare il suo lavoro sostenendo questo argomento.

Questa voce è stata pubblicata in FinanzCapitalismo. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento