Arlecchino e Pulcinella

Homeless in via Ottaviano a Roma

Avete presente una coperta logora e lacerata ? Bene…quando non si può comprare una coperta nuova si mette una pezza..Draghi è la pezza ..l’Italia è la coperta stracciata e logorata da una classe politica incapace e mediocre…

Ma l’Italia è anche il paese della commedia dell’arte e di Arlecchino, la maschera vestita di stracci colorati, dimostrazione di come la necessità può trasformarsi in virtù. Saprà Mario Draghi fare di necessità virtù? Saprà trasformare la coperta logora e stracciata in un allegro vestito di Arlecchino? Saprà essere servitore di due padroni e tirarci fuori dai guai? Saprà il nostro Buster Keaton seppellire questa brutta classe politica con una grande e fragorosa risata? … già …Buster Keaton il comico che non rideva mai!.Intanto il teatrino della politica ci ha offerto uno dei suoi spettacoli :l’incontro tra Arlecchino e Pulcinella ovvero Mario Draghi e Beppe Grillo. Da una parte l’uomo che deve fare di necessità virtù e dall’altra quello che ha ridotto una virtù in una necessità,  Il povero Pulcinella pur d’esistere è disposto a dire tutto e il contrario di tutto senza vergogna. La fame atavica è la sua giustificazione . E così per fame ricorre a  qualsiasi espediente. Pulcinella questa volta si è dovuto impegnare rispetto all”incontro con  Brighella di qualche anno fa e usare tutta la sua arte per confrontarsi con Arlecchino.

Vi immaginate la scena quando ad Arlecchino ha detto la battuta sul super Ministero Ambientale? Arlecchino avrà pensato .. e con quali soldi? Ma Arlecchino si è trasformato in Buster Keaton ed è riuscito a trattenere una fragorosa risata. Insomma deve essere stato un vero spettacolo…peccato non ci sia stata la diretta streaming questa volta.

PS lo scrivente chiede scusa a Pulcinella (quello vero) ma si sa … le maschere sono state inventate per rappresentare i tanti vizi e le poche virtù della nostra umanità e soprattutto di chi esercita il potere.

di Guglielmo Pernaselci

Questa voce è stata pubblicata in Infiniti Mondi. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento