Mettiamo fine al genocidio Uiguro

                                                         Il tormento degli uiguri

Le prime storie dello Xinjiang erano difficili da credere. Sicuramente il governo cinese non stava gestendo un gulag per i musulmani? Sicuramente gli uiguri non erano stati bollati come “estremisti” e rinchiusi semplicemente per aver pregato in pubblico o per essersi fatti crescere la barba lunga? Eppure, come riportiamo nella sezione Cina di questa settimana, le prove di una campagna contro gli uiguri in patria e all’estero diventano più scioccanti con ogni esame delle prove satellitari, ogni fuga di documenti ufficiali e il pietoso resoconto di ogni sopravvissuto. Nel 2018 il governo si è impegnato a non negare l’esistenza dei campi, ma a chiamarli “centri di istruzione e formazione professionale”, un gentile tentativo di aiutare le persone arretrate ad acquisire competenze commerciabili.

Il mondo dovrebbe invece prestare attenzione alle vittime uigure dell’indottrinamento coercitivo della Cina. Mese dopo mese, i detenuti dicono di essere addestrati a rinunciare all’estremismo e a riporre la loro fede nel “pensiero di Xi Jinping” piuttosto che nel Corano. Uno ci ha detto che le guardie chiedono ai detenuti se c’è un Dio, e picchiano quelli che dicono che c’è. E i campi sono solo una parte di un vasto sistema di controllo sociale. I 12 milioni di uiguri della Cina sono una piccola minoranza disaffezionata. La loro lingua turca è lontana dal cinese. Sono per lo più musulmani. Una piccola manciata ha compiuto attacchi terroristici, tra cui un bombardamento in un mercato nel 2014 che ha causato la morte di 43 persone. Dal 2017 non si sono più verificati incidenti terroristici: la prova, dice il governo, che il rafforzamento della sicurezza e le classi antiestremismo hanno reso di nuovo sicuro lo Xinjiang.

Questo è un modo di dire. Un altro è che, invece di catturare i pochi violenti, il governo ha in effetti messo tutti gli uiguri in una prigione a cielo aperto. L’obiettivo sembra essere quello di schiacciare lo spirito di un intero popolo. Anche chi è fuori dai campi deve partecipare alle sessioni di indottrinamento. Chi non sbava sul presidente della Cina rischia l’internamento. Le famiglie devono sorvegliare le altre famiglie e segnalare comportamenti sospetti. Nuove prove suggeriscono che centinaia di migliaia di bambini uiguri potrebbero essere stati separati da uno o da entrambi i genitori detenuti. Molti di questi orfani temporanei sono in collegio, dove vengono puniti per aver parlato la loro lingua.

I quadri del partito, di solito cinesi Han, sono di stanza nelle case degli uiguri, una politica nota come “diventare parenti”. Le regole contro l’avere troppi figli sono rigorosamente applicate alle donne uiguri; alcune sono sterilizzate. I dati ufficiali mostrano che in due prefetture il tasso di natalità uigura è sceso di oltre il 60% dal 2015 al 2018. Le donne uigure sono esortate a sposare uomini cinesi Han e vengono premiate se lo fanno con un appartamento, un lavoro o anche un parente che viene risparmiato ai campi. L’intimidazione si estende oltre i confini della Cina. Poiché ogni contatto con il mondo esterno è considerato sospetto, gli uiguri all’estero temono di chiamare a casa per non causare l’arresto di una persona cara, come descrive un rapporto straziante del 1843, la nostra rivista sorella.

La persecuzione degli uiguri è un crimine contro l’umanità: comporta il trasferimento forzato di persone, l’incarcerazione di un gruppo identificabile e la scomparsa di individui. Imposta sistematicamente da un governo, è la più estesa violazione oggi al mondo del principio che gli individui hanno diritto alla libertà e alla dignità semplicemente perché sono persone. Il partito al potere della Cina non ha nulla a che vedere con questo concetto di diritti individuali. Esso rivendica la legittimità dal suo record di fornire stabilità e crescita economica a molti. Il suo appello alla maggioranza potrebbe ottenere il sostegno popolare. In una dittatura è praticamente impossibile fare sondaggi accurati, e la censura isola i cinesi comuni dalla verità sui loro governanti. Ma molti cinesi sostengono chiaramente il loro governo, soprattutto perché obiettare è considerato antipatriottico (vedi Chaguan). Le minoranze maldestre, come i tibetani e gli uiguri, non hanno alcuna protezione in un sistema del genere. Non vincolato dalle nozioni di diritti individuali, il regime è stato determinato a terrorizzarli per sottometterli e a costringerli ad assimilarsi alla cultura dominante Han.

La Cina si trova all’estremo di una tendenza preoccupante. A livello globale, la democrazia e i diritti umani sono in ritirata. Anche se questo è iniziato prima del covid-19, 80 paesi sono regrediti dall’inizio della pandemia e solo il Malawi è migliorato, dice la Freedom House, un think-tank. Molte persone, quando hanno paura, bramano di essere portate in salvo da un forte sovrano. Il virus offre ai governi una scusa per impadronirsi dei poteri di emergenza e vietare le proteste (vedi sezione Internazionale). I governanti abusivi spesso radunano la maggioranza contro una minoranza. Il primo ministro indiano, Narendra Modi, sposa un nazionalismo indù aggressivo e tratta i musulmani indiani come se non fossero realmente cittadini. Per questo motivo, ottiene voti di approvazione stellari. Così come Rodrigo Duterte nelle Filippine, che sollecita l’assassinio di sospetti criminali. Il primo ministro ungherese schiaccia le istituzioni democratiche e dice che i suoi oppositori fanno parte di un complotto ebraico. Il presidente brasiliano celebra la tortura e sostiene che i suoi critici stranieri vogliono colonizzare l’Amazzonia. In Thailandia il re sta trasformando una monarchia costituzionale in una monarchia assoluta (vedi Briefing). Come possono resistere coloro che apprezzano la libertà? I diritti umani sono universali, ma molti li associano all’Occidente. Così, quando la reputazione dell’Occidente ha preso una brutta piega, dopo la crisi finanziaria del 2007-08 e la guerra in Iraq, anche il rispetto dei diritti umani lo ha fatto. Anche se l’America ha imposto sanzioni mirate contro gli uiguri, il sospetto che la predicazione occidentale fosse ipocrita è cresciuto sotto Donald Trump. Un presidente transazionale, ha sostenuto che la sovranità nazionale dovrebbe venire prima di tutto – e non solo per l’America. Questo va benissimo per la Cina. Sta lavorando nei forum internazionali per ridefinire i diritti umani come una questione di sussistenza e sviluppo, non di dignità e libertà individuale. Questa settimana, insieme alla Russia, è stata eletta al Consiglio per i diritti umani dell’Onu. Inizia nello Xinjiang La resistenza all’erosione dei diritti umani dovrebbe iniziare con gli uiguri. Se i liberali non dicono nulla della peggiore violazione di oggi al di fuori di una zona di guerra, come si può credere alle loro critiche su altri crimini minori? Gli attivisti dovrebbero denunciare e documentare gli abusi. Scrittori e artisti possono dire perché la dignità umana è preziosa. Le aziende possono rifiutarsi di colludere.

Si parla di boicottaggio, anche delle Olimpiadi invernali di Pechino del 2022. In definitiva, i governi dovranno agire. Dovrebbero offrire asilo agli uiguri e, come l’America, imporre sanzioni mirate ai funzionari abusivi e vietare le merci prodotte con il lavoro forzato degli uiguri. Dovrebbero anche alzare la voce. Il regime cinese non è impermeabile alla vergogna. Se fosse orgoglioso delle sue dure azioni nello Xinjiang, non cercherebbe di nasconderle. Né si appoggerebbe a paesi più piccoli per firmare dichiarazioni a sostegno delle sue politiche in quel paese. Man mano che emerge la portata dell’orrore, la sua propaganda è diventata meno efficace: 15 paesi a maggioranza musulmana che avevano firmato tali dichiarazioni hanno cambiato idea. L’immagine della Cina è diventata più oscura in molti Paesi negli ultimi anni, secondo i sondaggi: L’86% dei giapponesi e l’85% degli svedesi hanno ora una visione sfavorevole del Paese. Per un governo che cerca di proiettare un potere morbido, questa è una preoccupazione. C’è chi dice che l’Occidente perderebbe troppo dando lezioni sui diritti umani: la Cina non cambierà, e l’acrimonia parlerà di commercio, pandemie e cambiamenti climatici. È vero, tenere i diritti umani separati da queste cose è impossibile, e la Cina cercherà di convincere gli altri Paesi che il candore morale causerà loro un danno economico. Tuttavia, le democrazie liberali hanno l’obbligo di chiamare gulag un gulag. In un’epoca di crescente concorrenza globale, è questo che li rende diversi. Se non si schierano a favore dei valori liberali non dovrebbero sorprendersi se gli altri non li rispettano.

Questa voce è stata pubblicata in Comunità sociale. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento