Bernie Sanders dice quello che avrebbe dovuto dire Biden

Il senatore Bernie Sanders non mette in dubbio il “diritto di Israele di difendersi”. Ma in un saggio per il New York Times, pubblicato venerdì, ha sostenuto che il diritto deve essere discusso nel contesto del maltrattamento dei palestinesi da parte del governo israeliano.

“Nessuno sostiene che Israele, o qualsiasi governo, non abbia il diritto all’autodifesa”, ha scritto Sanders . Ma “perché la domanda non viene quasi mai posta: ‘Quali sono i diritti del popolo palestinese?'”

Almeno 122 palestinesi sono stati uccisi questa settimana da attacchi aerei israeliani su Gaza, tra cui 31 bambini, secondo i funzionari sanitari locali. Gli attacchi sono arrivati in risposta ai razzi lanciati indiscriminatamente dai militanti con Hamas, il gruppo che controlla il territorio palestinese, che ospita oltre due milioni di persone.

Chiedendo un cessate il fuoco immediato, Sanders ha scritto che mentre le azioni di Hamas sono condannabili, “il conflitto di oggi non è iniziato con quei razzi”.

Come riportato da Insider, l’ultimo round di combattimenti è iniziato dopo che un tribunale israeliano ha stabilito che i palestinesi che vivono nella Gerusalemme est occupata potevano essere sfrattati dalle loro case per far posto ai coloni ebrei. Israele riconosce un “diritto al ritorno” ebraico negato ai palestinesi, migliaia dei quali furono costretti a fuggire dalle loro case in quello che oggi è Israele durante la guerra del 1948 che ne segnò la fondazione.

Un recente rapporto di Human Rights Watch ha descritto le politiche discriminatorie di Israele come equivalenti all ‘”apartheid”.

Sanders, che da giovane lavorava in una comune in Israele, ha detto che quegli sfratti “sono solo una parte di un più ampio sistema di repressione politica ed economica”, che è peggiorato sotto Benjamin Netanyahu.

Per più di un decennio, il primo ministro israeliano, stretto alleato dell’ex presidente Donald Trump, “ha coltivato un nazionalismo razzista di tipo sempre più intollerante e autoritario”, ha scritto Sanders. E con gli Stati Uniti che forniscono quasi 4 miliardi di dollari all’anno in aiuti al governo Netanyahu, condividono la responsabilità delle azioni israeliane, ha detto.

“Dobbiamo cambiare rotta e adottare un approccio equilibrato”, ha scritto Sanders, “che sostenga e rafforzi il diritto internazionale in materia di protezione dei civili, così come la legge statunitense esistente che afferma che la fornitura di aiuti militari statunitensi non deve consentire violazioni dei diritti umani. “

Il saggio arriva in mezzo a una reazione progressiva al sostegno del presidente Joe Biden al governo israeliano e alla sua offensiva su Gaza. La deputata Alexandria Ocasio-Cortez, come Sanders un socialista democratico, questa settimana ha accusato Biden di fare dichiarazioni che ” disumanizzano i palestinesi ” e forniscono di fatto un via libera alle operazioni militari israeliane.

Da Insider del 15 maggio 2021

Questa voce è stata pubblicata in Comunità sociale. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento