This mortal coil

Prendiamo a prestito il nome di un complesso inglese new wave nato all’inizio degli anni ’80 per riaprire il nostro quaderno. Non è facile. La spirale mortale (mortal coil) che tutto avvolge ci sta togliendo il respiro ogni giorno di più.

Quando il 7 maggio del 2020 abbiamo messo in acqua la nostra piccola zattera eravamo consapevoli di navigare in un mare oscuro e colmo di pericoli.

Il covid come un inafferrabile mostro marino era appena spuntato. 

La navigazione a cui eravamo chiamati era incerta ma al tempo stesso nuova e per certi versi esaltante. 

L’epidemia ci imponeva di guardare dentro i nostri modelli di sviluppo all’affannosa ricerca di una nuova rotta di cambiamento assoluto.

SriReset ovvero la bussola con un motore chiamato magnetismo della terra.

Invece la ricerca è divenuta ben presto il plusvalore che ha allontanato ancor più gli uomini gli uni dagli altri e così pure i continenti.

Il covid ha reso il lavoro triste e solitario come la sua rappresentazione. 

Un sipario strappato: o thiasos, una recita senza attori.

L’unica cosa che ha realmente resettato tutto è la guerra.

Questo farà si che i popoli del mondo sia di fronte a quell’oscuro mostro marino chiamato Covid che al disordine incombente delle stelle,  alla fuga sconsiderata delle nuvole, ai mostri a cavallo degli uragani e degli incendi si troveranno soli ed irrimediabilmente  indifesi.

La solidarietà è sparita, forse per sempre.

Informazioni su Walter Bottoni

Nato il primo settembre 1954 a Monte San Giovanni Campano, ha lavorato al Monte dei Paschi. Dal 2001 al 2014 è stato amministratore dei Fondi pensione del personale. Successivamente approda nel cda del Fondo Cometa dei metalmeccanici dove resta fino 2016. Attualmente collabora con la Società di Rating di sostenibilità Standard Ethics.
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento