Per non dimenticare la vera grande sfida di questo secolo: Il Clima

 

Se è vero che il Covid costituisce una sfida epocale come dice la Cancelliera Merkel, abbiamo anche il dovere intellettuale di ricordarci come la pandemia si è manifestata come conseguenza anche del disordine ambientale provocato dagli attuali modelli di sviluppo presenti a livello planetario.

Per tale motivo crediamo che il coronavirus non ha bisogno solo di un efficace vaccino ma soprattutto dell’affermazione di un nuovo modello di progresso in campo economico, sociale ed ambientale.

La finanza come recita il nostro blog deve essere la prima ad essere vaccinata e quindi a produrre gli anticorpi per arrestare il declino irreversibile della nostra UMANITA’.

                                                      ###################

Gli scienziati hanno l’obbligo morale di avvertire chiaramente l’umanità di qualsiasi minaccia catastrofica e di “dire le cose come stanno”. Sulla base di questo obbligo e degli indicatori grafici presentati di seguito, dichiariamo, con oltre 11.000 scienziati firmatari di tutto il mondo, in modo chiaro e inequivocabile che il pianeta Terra sta affrontando un’emergenza climatica.

Esattamente 40 anni fa, scienziati di 50 nazioni si incontrarono alla Prima Conferenza mondiale sul clima (a Ginevra nel 1979) e concordarono che le tendenze allarmanti per il cambiamento climatico rendevano urgentemente necessario agire. Da allora, gli allarmi simili sono state fatte attraverso il vertice di Rio del 1992, 1997 Protocollo di Kyoto, e l’accordo di Parigi 2015, così come decine di altri gruppi globali e gli avvertimenti espliciti scienziati di progressi insufficienti (Ripple et al. 2017 ). Tuttavia, le emissioni di gas serra (GHG) sono ancora in rapido aumento, con effetti sempre più dannosi sul clima terrestre. È necessario un immenso aumento di scala negli sforzi per preservare la nostra biosfera per evitare indicibili sofferenze dovute alla crisi climatica (IPCC 2018 ).

La maggior parte delle discussioni pubbliche sul cambiamento climatico si basano sulla temperatura superficiale globale solo, una misura insufficiente per catturare l’ampiezza delle attività umane e le reali pericoli derivanti da un pianeta riscaldamento (Briggs et al. 2015 ). I responsabili politici e il pubblico hanno ora urgente bisogno di accedere a una serie di indicatori che trasmettano gli effetti delle attività umane sulle emissioni di gas serra e i conseguenti impatti sul clima, sul nostro ambiente e sulla società. Basandosi sul lavoro precedente (vedi file supplementare S2 ), presentiamo una serie di segni vitali grafici dei cambiamenti climatici negli ultimi 40 anni per le attività umane che possono influenzare le emissioni di GHG e cambiare il clima (figura 1 ), così come gli impatti climatici effettivi (figura 2). Utilizziamo solo set di dati pertinenti chiari, comprensibili, raccolti sistematicamente per almeno gli ultimi 5 anni e aggiornati almeno una volta all’anno.

Figura 1.

Cambiamento nelle attività umane globali dal 1979 ad oggi. Questi indicatori sono legati almeno in parte al cambiamento climatico. Nel riquadro (f), la perdita annuale di copertura arborea può essere dovuta a qualsiasi motivo (ad esempio, incendi violenti, raccolta all’interno di piantagioni di alberi o conversione di foreste in terreni agricoli). Il guadagno forestale non è coinvolto nel calcolo della perdita di copertura arborea. Nel pannello (h), l’idroelettricità e l’energia nucleare sono mostrate nella figura S2 . I tassi mostrati nei pannelli sono le variazioni percentuali per decennio nell’intero intervallo delle serie temporali. I dati annuali vengono visualizzati utilizzando punti grigi. Le linee nere sono linee di tendenza regolari di regressione locale. Abbreviazione: Gt oe all’anno, gigatonnellate di petrolio equivalente all’anno. Fonti e dettagli aggiuntivi su ciascuna variabile sono forniti nel file supplementare S2, compresa la tabella S2 .

 

Cambiamento nelle attività umane globali dal 1979 ad oggi. Questi indicatori sono legati almeno in parte al cambiamento climatico. Nel riquadro (f), la perdita annuale di copertura arborea può essere dovuta a qualsiasi motivo (ad esempio, incendi, raccolta all'interno di piantagioni di alberi o conversione di foreste in terreni agricoli). Il guadagno forestale non è coinvolto nel calcolo della perdita di copertura arborea. Nel pannello (h), l'energia idroelettrica e l'energia nucleare sono mostrate nella figura S2. I tassi mostrati nei pannelli sono le variazioni percentuali per decennio nell'intero intervallo delle serie temporali. I dati annuali sono visualizzati utilizzando punti grigi. Le linee nere sono linee di tendenza morbide di regressione locale. Abbreviazione: Gt oe all'anno, gigatonnellate di petrolio equivalente all'anno. Fonti e dettagli aggiuntivi su ciascuna variabile sono forniti nel file supplementare S2, inclusa la tabella S2.

 
 
Figura 2.

Serie temporali di risposta climatica dal 1979 ad oggi. I tassi mostrati nei pannelli sono i tassi di variazione decennali per gli interi intervalli delle serie temporali. Questi tassi sono in termini percentuali, ad eccezione delle variabili di intervallo (d, f, g, h, i, k), dove vengono invece riportate le variazioni additive. Per l’acidità dell’oceano (pH), il tasso percentuale si basa sulla variazione dell’attività degli ioni idrogeno, a H + (dove valori di pH inferiori rappresentano una maggiore acidità). I dati annuali vengono visualizzati utilizzando punti grigi. Le linee nere sono linee di tendenza morbide di regressione locale. Fonti e dettagli aggiuntivi su ciascuna variabile sono forniti nel file supplementare S2 , inclusa la tabella S3 .

 

Serie temporali di risposta climatica dal 1979 ad oggi. I tassi mostrati nei pannelli sono i tassi di variazione decennali per gli interi intervalli delle serie temporali. Questi tassi sono in termini percentuali, ad eccezione delle variabili di intervallo (d, f, g, h, i, k), dove vengono invece riportate le variazioni additive. Per l'acidità dell'oceano (pH), il tasso percentuale si basa sulla variazione dell'attività degli ioni idrogeno, aH + (dove valori di pH inferiori rappresentano una maggiore acidità). I dati annuali sono visualizzati utilizzando punti grigi. Le linee nere sono linee di tendenza regolari di regressione locale. Fonti e dettagli aggiuntivi su ciascuna variabile sono forniti nel file supplementare S2, inclusa la tabella S3.

 
 

La crisi climatica è strettamente legata al consumo eccessivo di uno stile di vita ricco. I paesi più ricchi sono i principali responsabili delle emissioni storiche di GHG e generalmente hanno le maggiori emissioni pro capite ( tabella S1 ). In questo articolo, mostriamo modelli generali, principalmente su scala globale, perché ci sono molti sforzi per il clima che coinvolgono singole regioni e paesi. I nostri segni vitali sono progettati per essere utili al pubblico, ai responsabili politici, alla comunità imprenditoriale e a coloro che lavorano per attuare l’accordo sul clima di Parigi, gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite e gli obiettivi di biodiversità di Aichi.

Segni profondamente preoccupanti delle attività umane includono un aumento sostenuto delle popolazioni di bestiame sia umane che di ruminanti, produzione di carne pro capite, prodotto interno lordo mondiale, perdita di copertura arborea globale, consumo di combustibili fossili, numero di passeggeri aerei trasportati, emissioni di anidride carbonica (CO 2 ) , e le emissioni pro capite di CO 2 dal 2000 (figura 1 , file supplementare S2 ). I segnali incoraggianti includono la diminuzione dei tassi di fertilità globale (natalità) (figura 1b ), il rallentamento della perdita di foreste nell’Amazzonia brasiliana (figura 1g ), l’aumento del consumo di energia solare ed eolica (figura 1h ), disinvestimento istituzionale di combustibili fossili di oltre gli Stati Uniti $ 7 trilioni (figura1j ) e la percentuale di emissioni di GHG coperte dal prezzo del carbonio (figura 1m ). Tuttavia, il declino dei tassi di fertilità umana è notevolmente rallentato negli ultimi 20 anni (figura 1b ) e il ritmo della perdita di foreste nell’Amazzonia brasiliana ha ricominciato ad aumentare (figura 1g ). Il consumo di energia solare ed eolica è aumentato del 373% per decennio, ma nel 2018 era ancora 28 volte inferiore al consumo di combustibili fossili (combinato gas, carbone, petrolio; figura 1 ora ). Nel 2018, circa il 14,0% delle emissioni globali di gas serra era coperto dal prezzo del carbonio (figura 1m ), ma il prezzo medio ponderato per le emissioni globali per tonnellata di anidride carbonica era solo di circa 15,25 USD (figura 1n). È necessario un prezzo della tassa sul carbonio molto più elevato (IPCC 2018 , sezione 2.5.2.1). I sussidi annuali ai combustibili fossili alle società energetiche sono stati fluttuanti e, a causa di un recente picco, nel 2018 sono stati superiori a 400 miliardi di dollari (figura 1o ).

Particolarmente preoccupanti sono le tendenze simultanee dei segni vitali degli impatti climatici (figura 2 , file supplementare S2 ). Tre abbondanti GHG atmosferici (CO 2 , metano e protossido di azoto) continuano ad aumentare (vedi figura S1 per il minaccioso picco del 2019 di CO 2 ), così come la temperatura superficiale globale (figura 2a – 2d ). A livello globale, il ghiaccio sta rapidamente scomparendo, evidenziato dalle tendenze in calo del ghiaccio marino artico minimo estivo, delle calotte glaciali della Groenlandia e dell’Antartide e dello spessore dei ghiacciai in tutto il mondo (figura 2e – 2h ). Il contenuto di calore dell’oceano, l’acidità dell’oceano, il livello del mare, l’area bruciata negli Stati Uniti e le condizioni meteorologiche estreme e i costi dei danni associati hanno registrato una tendenza al rialzo (figura2i – 2n ). Si prevede che il cambiamento climatico influenzerà notevolmente la vita marina, d’acqua dolce e terrestre, dal plancton e dai coralli ai pesci e alle foreste (IPCC 2018 , 2019 ). Questi problemi evidenziano l’urgente necessità di agire.

Nonostante 40 anni di negoziati sul clima globale, con poche eccezioni, in genere abbiamo condotto gli affari come al solito e in gran parte non siamo riusciti ad affrontare questa situazione (figura 1 ). La crisi climatica è arrivata e sta accelerando più velocemente di quanto la maggior parte degli scienziati si aspettasse (figura 2 , IPCC 2018 ). È più grave del previsto, minacciando gli ecosistemi naturali e il destino dell’umanità (IPCC 2019 ). Particolarmente preoccupanti sono i potenziali punti critici climatici irreversibili e i feedback di rinforzo della natura (atmosferici, marini e terrestri) che potrebbero portare a una catastrofica “serra della Terra”, ben oltre il controllo degli esseri umani (Steffen et al. 2018). Queste reazioni a catena climatica potrebbero causare interruzioni significative agli ecosistemi, alla società e alle economie, rendendo potenzialmente inabitabili vaste aree della Terra.

Per garantire un futuro sostenibile, dobbiamo cambiare il modo in cui viviamo, in modi che migliorino i segni vitali sintetizzati dai nostri grafici. La crescita della popolazione economico e sono tra i più importanti fattori di aumenti di CO 2 emissioni da combustibili fossili (Pachauri et al. 2014 , Bongaarts e O’Neill 2018 ); quindi, abbiamo bisogno di trasformazioni audaci e drastiche per quanto riguarda le politiche economiche e demografiche. Suggeriamo sei passaggi critici e correlati (in nessun ordine particolare) che i governi, le imprese e il resto dell’umanità possono intraprendere per ridurre i peggiori effetti del cambiamento climatico. Questi sono passi importanti, ma non sono gli unici interventi necessari o possibili (Pachauri et al. 2014 , IPCC 2018 , 2019).

Energia

Il mondo deve attuare rapidamente massicce pratiche di efficienza energetica e conservazione e deve sostituire i combustibili fossili con energie rinnovabili a basse emissioni di carbonio (figura 1h ) e altre fonti di energia più pulite se sicure per le persone e l’ambiente ( figura S2 ). Dovremmo lasciare le scorte rimanenti di combustibili fossili nel terreno (vedere le scadenze nell’IPCC 2018 ) e perseguire attentamente le emissioni negative effettive utilizzando tecnologie come l’estrazione del carbonio dalla fonte e la cattura dall’aria e in particolare migliorando i sistemi naturali (vedere “Natura ” sezione). I paesi più ricchi devono sostenere le nazioni più povere nella transizione dai combustibili fossili. Dobbiamo eliminare rapidamente i sussidi per i combustibili fossili (figura 1o) e utilizzare politiche efficaci ed eque per aumentare costantemente i prezzi del carbonio per limitarne l’uso.

Inquinanti di breve durata

Dobbiamo ridurre prontamente le emissioni di inquinanti climatici di breve durata, tra cui metano (figura 2b ), black carbon (fuliggine) e idrofluorocarburi (HFC). In questo modo si potrebbe rallentare i cicli di retroazione climatica e potenzialmente ridurre il breve termine tendenza al riscaldamento di oltre il 50% nel corso dei prossimi decenni, risparmiando milioni di vite e di aumentare le rese delle colture a causa della ridotta l’inquinamento atmosferico (Shindell et al. 2017 ). L’emendamento di Kigali del 2016 per ridurre gradualmente gli HFC è accolto con favore.

Natura

Dobbiamo proteggere e ripristinare gli ecosistemi della Terra. Il fitoplancton, le barriere coralline, le foreste, le savane, le praterie, le zone umide, le torbiere, i suoli, le mangrovie e le erbe marine contribuiscono notevolmente al sequestro della CO 2 atmosferica . Piante, animali e microrganismi marini e terrestri svolgono un ruolo significativo nel ciclo e nello stoccaggio del carbonio e dei nutrienti. Dobbiamo ridurre rapidamente la perdita di habitat e biodiversità (figura 1f – 1g), proteggendo le restanti foreste primarie e intatte, in particolare quelle con elevate riserve di carbonio e altre foreste con la capacità di sequestrare rapidamente il carbonio (proforestazione), aumentando al contempo il rimboschimento e l’imboschimento, ove opportuno, su enormi scale. Sebbene terreno disponibile può essere limitante in alcuni punti, fino a un terzo di riduzione delle emissioni necessaria entro il 2030 per l’accordo di Parigi (meno di 2 ° C) potrebbero essere ottenuti con queste soluzioni climatici naturali (Griscom et al. 2017 ).

Cibo

Mangiare principalmente cibi di origine vegetale riducendo il consumo globale di prodotti animali (figura 1c – d ), in particolare il bestiame dei ruminanti (Ripple et al. 2014 ), può migliorare la salute umana e ridurre significativamente le emissioni di GHG (incluso il metano nella sezione “Breve vita fase “inquinanti”). Inoltre, questo libererà le terre coltivate per la coltivazione del tanto necessario cibo vegetale umano invece del mangime per il bestiame, liberando allo stesso tempo alcuni pascoli per supportare soluzioni climatiche naturali (vedere la sezione “Natura”). Le pratiche colturali come la lavorazione minima che aumentano il carbonio nel suolo sono di vitale importanza. Dobbiamo ridurre drasticamente l’enorme quantità di spreco alimentare nel mondo.

Economia

L’eccessiva estrazione di materiali e il sovrasfruttamento degli ecosistemi, guidati dalla crescita economica, devono essere rapidamente ridotti per mantenere la sostenibilità a lungo termine della biosfera. Abbiamo bisogno di un’economia senza emissioni di carbonio che affronti esplicitamente la dipendenza umana dalla biosfera e politiche che guidino le decisioni economiche di conseguenza. I nostri obiettivi devono passare dalla crescita del PIL e dalla ricerca del benessere al sostegno degli ecosistemi e al miglioramento del benessere umano dando priorità ai bisogni di base e riducendo la disuguaglianza.

Popolazione

Sempre in aumento di circa 80 milioni di persone all’anno, o più di 200.000 al giorno (figura 1a – b ), la popolazione mondiale deve essere stabilizzata e, idealmente, ridotta gradualmente, in un quadro che garantisca l’integrità sociale. Esistono politiche comprovate ed efficaci che rafforzano i diritti umani riducendo al contempo i tassi di fertilità e gli impatti della crescita della popolazione sulle emissioni di gas serra e sulla perdita di biodiversità. Queste politiche rendono i servizi di pianificazione familiare disponibili a tutte le persone, rimuovono le barriere al loro accesso e raggiungono la piena parità di genere, inclusa l’istruzione primaria e secondaria come norma globale per tutti, in particolare le ragazze e le giovani donne (Bongaarts e O’Neill 2018 ).

Conclusioni

Mitigare e adattarsi ai cambiamenti climatici onorando la diversità degli esseri umani comporta importanti trasformazioni nel modo in cui la nostra società globale funziona e interagisce con gli ecosistemi naturali. Siamo incoraggiati da un recente aumento di preoccupazione. Gli organi governativi stanno facendo dichiarazioni di emergenza climatica. Gli scolari colpiscono. Le cause per l’ecocidio stanno procedendo in tribunale. I movimenti di cittadini di base chiedono il cambiamento e molti paesi, stati e province, città e imprese stanno rispondendo.

In qualità di Alliance of World Scientists, siamo pronti ad assistere i responsabili delle decisioni in una giusta transizione verso un futuro sostenibile ed equo. Chiediamo un uso diffuso dei segni vitali, che consentiranno meglio ai responsabili politici, al settore privato e al pubblico di comprendere l’entità di questa crisi, monitorare i progressi e riallineare le priorità per alleviare il cambiamento climatico. La buona notizia è che un tale cambiamento trasformativo, con giustizia sociale ed economica per tutti, promette un benessere umano di gran lunga maggiore di quanto non facciano gli affari normali. Crediamo che le prospettive saranno maggiori se i responsabili delle decisioni e tutta l’umanità risponderanno prontamente a questo avvertimento e dichiarazione di emergenza climatica e agiranno per sostenere la vita sul pianeta Terra, la nostra unica casa.

Visita il sito

 

Questa voce è stata pubblicata in Libero Ambiente. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento