In attesa di qualcosa di completamente diverso

Le crisi peggiori del secolo scorso si sono svolte entrambe durante la “transizione” – il periodo tra le elezioni presidenziali e l’inaugurazione. Non è una coincidenza. Le transizioni più importanti – quelle che comportano importanti cambiamenti di direzione per il governo – lasciano mesi di incertezza sulla politica nel frattempo. Le cose che stavano già andando male spesso si fanno a spirale.
Il caos ama il vuoto. Purtroppo, la crisi di Covid e la transizione del 2020 hanno il chiaro potenziale per andare fuori controllo allo stesso modo. Le grandi crisi di transizione del Paese avevano alcuni elementi in comune: un problema esistente, un’amministrazione in carica che era stata criticata per la sua politica nell’affrontarlo, e un’elezione presidenziale che aveva dato il via a una sfida che chiedeva una brusca rottura con l’approccio del predecessore. La transizione ha poi lasciato il pubblico (e anche le imprese e gli investitori) a cercare di affrontare un dilemma paralizzante: “Cosa succede mentre aspettiamo qualcosa di completamente diverso?”
La risposta è stata che il problema è andato in metastasi. È successo nel 1932. La Grande Depressione era peggiorata, e l’economia e il sistema finanziario erano sull’orlo della rovina. L’elezione di Franklin D. Roosevelt prometteva una forte rottura con la politica di Herbert C. Hoover. Eppure per mesi, mentre il Paese attendeva l’inaugurazione, Hoover rimase al comando. Hoover sosteneva che la Depressione era solo peggiorata a causa della paura della gente di ciò che il presidente entrante proponeva di fare. Ha cercato di convincere Roosevelt ad impegnarsi a continuare a perseguire politiche come l’austerità fiscale e il gold standard. Ma Roosevelt non voleva avere niente a che fare con lui. Durante la situazione di stallo, l’economia è crollata e il sistema finanziario è andato in pezzi.
Un’altra grande crisi si è verificata nel 2008, quando il presidente Obama ha vinto le elezioni promettendo un approccio completamente diverso da quello dell’amministrazione Bush. Io ho fatto parte di quella transizione, e a dicembre il nostro team economico ha informato il signor Obama sulla rapida scomparsa dell’economia. Egli ha detto, scherzando: “È troppo tardi per chiedere un riconteggio?” A differenza del 1932, la transizione del 2008 è stata amichevole e cooperativa. I funzionari dell’amministrazione Bush uscente non hanno minato l’amministrazione entrante. Al contrario, hanno preso sul serio il trasferimento di potere e hanno fatto ciò che potevano per aiutare. Anche in quella circostanza, però, c’erano ancora notevoli disaccordi su come rispondere alla crisi: come si doveva spendere il denaro del Programma di salvataggio dei beni in difficoltà (TARP, Troubled Asset Relief Program), quali condizioni dovevano essere poste alle banche che ricevevano il denaro, come dovevano essere trattate le aziende automobilistiche e molto altro ancora.
La gente sapeva che stava arrivando un cambiamento, ma non cosa sarebbe successo nel frattempo, e si è preoccupata che nessuno fosse veramente al comando. La crisi si è aggravata. Mi sono concentrato sulle crisi economiche, ma la questione è ancora più grande.
Alcune delle più grandi crisi politiche del Paese si sono verificate anche in fase di transizione. Nel 1860, Abraham Lincoln vinse le elezioni, promettendo una netta rottura con i Democratici e con l’attuale presidente James Buchanan. Le elezioni di Lincoln portarono le tensioni a un punto di ebollizione. Gli Stati parlavano apertamente di secessione. Il presidente Buchanan, un’anatra zoppa, annunciò che non credeva che il governo federale avesse l’autorità per impedire agli Stati di andarsene. Nel giro di settimane, la Carolina del Sud aveva votato per la secessione, seguita da altri sei Stati, tutti prima dell’inaugurazione. Poco dopo l’insediamento di Lincoln, iniziò la guerra civile.
Il che ci porta al 2020. Anche prima delle elezioni, il coronavirus si era diffuso e imperversava in gran parte del Paese. Gli Stati Uniti hanno avuto più di 140.000 casi in un giorno, un numero crescente di ricoveri ospedalieri e hanno persino assistito a molteplici eventi super-spreader alla Casa Bianca che hanno infettato il presidente, il suo capo dello staff, i membri del gabinetto e i consiglieri anziani. Gli economisti hanno sottolineato fin dall’inizio che il controllo della diffusione del virus è cruciale per riparare l’economia. Il CARES Act, il pacchetto di salvataggio approvato a marzo, ha fornito un sollievo temporaneo nella speranza che il virus diminuisse rapidamente.
Ma man mano che i soldi si sono esauriti, si è aperto un ampio abisso tra l’approccio dell’amministrazione uscente Trump (che ha variamente argomentato per fare meno e minimizzare la gravità del problema) e l’amministrazione Biden entrante, la cui prima azione dopo le elezioni è stata quella di nominare un consiglio di consiglieri medici e spingere un’agenda aggressiva per tenere sotto controllo il coronavirus.
E così la nazione sta, ancora una volta, facendo il conto alla rovescia dei mesi prima che una nuova amministrazione cambi la direzione del Paese, chiedendosi quale politica il governo federale perseguirà nel frattempo, e guardando un problema esistente che potrebbe facilmente sfuggirci di mano mentre aspettiamo. La buona notizia è che c’è una forte possibilità di avere un vaccino efficace e ampiamente disponibile nel corso del prossimo anno.
La cattiva notizia è che l’amministrazione uscente ha combattuto attivamente contro il cambiamento – trattenendo i fondi di transizione, vietando la condivisione di informazioni con la gente di Biden e contestando i risultati delle elezioni. Con il passare delle settimane, decine di migliaia di persone potrebbero perdere la vita e milioni di aziende potrebbero scomparire inutilmente. Certamente speriamo per il meglio – che questa terza ondata di infezioni negli Stati Uniti si plachi rapidamente, che l’economia continui a riprendersi, che le persone temporaneamente licenziate possano tornare al lavoro e che un numero massiccio di piccole imprese non vada in bancarotta. Ma la storia insegna che i problemi che si creano durante le grandi transizioni di potere possono esplodere. Così, come se non fosse già successo abbastanza nel 2020, l’amministrazione Biden e il più vasto pubblico americano si sono preparati al meglio per il peggio, non si sa mai.

The New York Times 15.11

 

Questa voce è stata pubblicata in Comunità sociale. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento