Geopolitica post-pandemica

di JOSEPH S. NYE, JR (professore all’Università di Harvard e autore di Is the american century over e di La morale è importante? Presidenti e politica estera da FDR a Trump)

La stima dell’effetto a lungo termine dell’attuale pandemia non è una previsione esatta del futuro, ma un esercizio di ponderazione delle probabilità e di adeguamento delle politiche attuali. Quando si immagina l’ordine internazionale nel 2030, si distinguono cinque scenari.

CAMBRIDGE – Non c’è un singolo futuro finché non accadrà, e qualsiasi sforzo per immaginare la geopolitica sulla scia della pandemia COVID-19 deve includere una serie di possibili futuri. Suggerisco cinque futuri plausibili nel 2030, ma ovviamente se ne possono immaginare altri.

La fine dell’ordine liberale globalizzato. L’ordine mondiale stabilito dagli Stati Uniti dopo la seconda guerra mondiale ha creato un quadro di istituzioni che ha portato a una notevole liberalizzazione del commercio internazionale e della finanza. Anche prima della pandemia COVID-19, questo ordine è stato messo in discussione dall’ascesa della Cina e dalla crescita del populismo nelle democrazie occidentali. La Cina ha beneficiato dell’ordine, ma via via che il suo peso strategico cresce, insiste sempre più sulla definizione di standard e regole. Gli Stati Uniti resistono, le istituzioni si atrofizzano e crescono gli appelli all’aumento della sovranità. Gli Stati Uniti rimangono fuori dall’Organizzazione mondiale della sanità e dall’accordo sul clima di Parigi. COVID-19 contribuisce alla probabilità di questo scenario indebolendo il “gestore di sistema” degli Stati Uniti.

Una sfida autoritaria in stile anni Trenta. La disoccupazione di massa, l’aumento della disuguaglianza e la distruzione della comunità dovuta ai cambiamenti economici legati alla pandemia creano condizioni ospitali per la politica autoritaria. Non mancano gli imprenditori politici disposti a utilizzare il populismo nazionalista per ottenere il potere. Il nativismo e il protezionismo aumentano. Le tariffe e le quote su merci e persone aumentano e immigrati e rifugiati diventano capri espiatori. Gli stati autoritari cercano di consolidare le sfere di interesse regionali e vari tipi di interventi aumentano il rischio di conflitti violenti. Alcune di queste tendenze erano visibili prima del 2020, ma le deboli prospettive di ripresa economica, dovute al fallimento nel far fronte alla pandemia COVID-19, aumentano la probabilità di questo scenario.

Un ordine mondiale dominato dalla Cina. Mentre la Cina domina la pandemia, la distanza economica tra essa e altre grandi potenze cambia drasticamente. L’economia cinese supera quella degli Stati Uniti in declino entro la metà del 2020 e la Cina amplia il suo vantaggio su potenziali contendenti di una volta come India e Brasile. Nel suo matrimonio diplomatico di convenienza con la Russia, la Cina diventa sempre più il partner senior. Non sorprende che la Cina richieda rispetto e obbedienza in base al suo potere crescente. La Belt and Road Initiative viene utilizzata per influenzare non solo i vicini, ma anche partner lontani come l’Europa e l’America Latina. I voti contro la Cina nelle istituzioni internazionali diventano troppo costosi, poiché mettono a rischio gli aiuti o gli investimenti cinesi, nonché l’accesso al mercato più grande del mondo. Con le economie occidentali indebolite rispetto alla Cina a causa della pandemia, il governo cinese e le principali società sono in grado di rimodellare le istituzioni e fissare standard a loro piacimento.

Un’agenda internazionale verde. Non tutti i futures sono negativi. L’opinione pubblica in molte democrazie sta iniziando a dare una maggiore priorità al cambiamento climatico e alla conservazione dell’ambiente. Alcuni governi e aziende si stanno riorganizzando per affrontare questi problemi. Anche prima del COVID-19, si poteva prevedere un’agenda internazionale nel 2030 definita dall’attenzione dei paesi alle questioni verdi. Sottolineando i collegamenti tra salute umana e planetaria, la pandemia accelera l’adozione di questo programma.

Ad esempio, il pubblico statunitense nota che la spesa di 700 miliardi di dollari per la difesa non ha impedito a COVID-19 di uccidere più americani di quanti ne sono morti in tutte le sue guerre dopo il 1945. In un ambiente politico interno mutato, un presidente degli Stati Uniti introduce un “Piano Marshall COVID” per fornire un rapido accesso ai vaccini per i paesi poveri e rafforzare la capacità dei loro sistemi sanitari. Il Piano Marshall del 1948 era nell’interesse dell’America e allo stesso tempo nell’interesse degli altri, e ha avuto un profondo effetto sulla formazione della geopolitica del decennio successivo. Tale leadership ha rafforzato il soft power degli Stati Uniti. Entro il 2030, un’agenda verde è diventata una buona politica interna, con un effetto geopolitico altrettanto significativo.

Più o meno lo stesso. Nel 2030, COVID-19 sembra sgradevole come la Grande Influenza del 1918-20 del 1930 e con effetti geopolitici a lungo termine limitati simili. Le condizioni precedenti persistono. Ma, insieme al crescente potere cinese, al populismo interno e alla polarizzazione in Occidente, e regimi più autoritari, c’è un certo grado di globalizzazione economica e una crescente consapevolezza dell’importanza della globalizzazione ambientale, sostenuta da un riluttante riconoscimento che nessun paese può risolvere tali problemi che agiscono da soli. Gli Stati Uniti e la Cina riescono a cooperare su pandemie e cambiamenti climatici, anche se competono su altre questioni come le restrizioni alla navigazione nel Mar Cinese meridionale o orientale. L’amicizia è limitata, ma la rivalità è gestita. Alcune istituzioni appassiscono, altre vengono riparate e altre ancora vengono inventate. Gli Stati Uniti rimangono la più grande potenza,ma senza il grado di influenza che aveva in passato.

Ciascuno dei primi quattro scenari ha circa una possibilità su dieci di avvicinarsi al futuro nel 2030. In altre parole, le probabilità sono meno della metà che l’impatto dell’attuale pandemia COVID-19 ridisegnerà profondamente la geopolitica entro il 2030. Diversi fattori potrebbero alterare queste probabilità. Ad esempio, il rapido sviluppo di vaccini efficaci, affidabili ed economici ampiamente distribuiti a livello internazionale aumenterebbe la probabilità di continuità e ridurrebbe la probabilità degli scenari autoritari o cinesi.

Ma se la rielezione di Donald Trump indebolisse le alleanze e le istituzioni internazionali dell’America, o danneggiasse la democrazia in patria, la probabilità dello scenario di continuità o dello scenario verde diminuirebbe. D’altra parte, se l’Unione Europea, inizialmente indebolita dalla pandemia, riuscisse a condividere i costi della risposta degli Stati membri, potrebbe diventare un importante attore internazionale in grado di aumentare la probabilità dello scenario green.

Sono possibili altre influenze e COVID-19 può produrre importanti cambiamenti interni legati alle disuguaglianze nell’assistenza sanitaria e nell’istruzione, oltre a stimolare la creazione di migliori accordi istituzionali per prepararsi alla prossima pandemia. La stima dell’effetto a lungo termine dell’attuale pandemia non è una previsione esatta del futuro, ma un esercizio di ponderazione delle probabilità e di adeguamento delle politiche attuali.

Questa voce è stata pubblicata in Comunità sociale. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento