Evitare un blocco del Clima

 Mariana Mazzuccato (prof.economia dell’innovazione e del valore pubblico all’University College di Londra. Direttrice e fondatrice dell’UCL- institute per innovation and public purpose)

 

 


Il mondo si sta avvicinando a un punto di svolta sul cambiamento climatico, quando proteggere il futuro della civiltà richiederà interventi drammatici. Evitare questo scenario richiederà una trasformazione economica verde e quindi una revisione radicale della governance aziendale, della finanza, delle politiche e dei sistemi energetici.

Con la diffusione del COVID-19 all’inizio di quest’anno, i governi hanno introdotto blocchi per evitare che un’emergenza di sanità pubblica sfuggisse al controllo. Nel prossimo futuro, il mondo potrebbe dover ricorrere nuovamente ai blocchi, questa volta per affrontare un’emergenza climatica.

Lo spostamento dei ghiacci artici, gli incendi violenti negli stati degli Stati Uniti occidentali e altrove e le perdite di metano nel Mare del Nord sono tutti segnali di allarme che ci stiamo avvicinando a un punto di svolta sui cambiamenti climatici, quando la protezione del futuro della civiltà richiederà interventi drammatici.
In un “blocco climatico”, i governi limiterebbero l’uso di veicoli privati, vieterebbero il consumo di carne rossa e imporrebbero misure estreme di risparmio energetico, mentre le aziende di combustibili fossili dovrebbero smettere di perforare. Per evitare un tale scenario, dobbiamo rivedere le nostre strutture economiche e fare il capitalismo in modo diverso .

Molti pensano alla crisi climatica come distinta dalle crisi sanitarie ed economiche causate dalla pandemia. Ma le tre crisi – e le loro soluzioni – sono interconnesse.
COVID-19 è esso stesso una conseguenza del degrado ambientale: uno studio recente lo ha soprannominato ” la malattia dell’Antropocene “. Inoltre, il cambiamento climatico aggraverà i problemi sociali ed economici evidenziati dalla pandemia: la diminuzione della capacità dei governi di affrontare le crisi di salute pubblica, la capacità limitata del settore privato di resistere a interruzioni economiche sostenute e la disuguaglianza sociale pervasiva.

Queste carenze riflettono i valori distorti alla base delle nostre priorità. Ad esempio, chiediamo il massimo dai “lavoratori essenziali” (inclusi infermieri, lavoratori dei supermercati e autisti delle consegne) pagando loro il minimo. Senza un cambiamento fondamentale, il cambiamento climatico aggraverà tali problemi.

La crisi climatica è anche una crisi di salute pubblica . Il riscaldamento globale farà degradare l’acqua potabile e farà prosperare le malattie respiratorie legate all’inquinamento. Secondo alcune proiezioni, entro il 2070, 3,5 miliardi di persone nel mondo vivranno in un caldo insopportabile .

Affrontare questa triplice crisi richiede un riorientamento della governance aziendale, della finanza, della politica e dei sistemi energetici verso una trasformazione economica verde . Per raggiungere questo obiettivo, è necessario rimuovere tre ostacoli: business guidato dagli shereholders invece che dagli stakeholder , finanziamenti utilizzati in modi inadeguati e inappropriati e governo basato su un pensiero economico obsoleto e presupposti errati.

La governance aziendale deve ora riflettere le esigenze degli stakeholder anziché i capricci degli azionisti. La costruzione di un’economia inclusiva e sostenibile dipende dalla cooperazione produttiva tra i settori pubblico e privato e la società civile. Ciò significa che le aziende devono ascoltare i sindacati e i collettivi dei lavoratori, i gruppi della comunità, i sostenitori dei consumatori e altri.

Allo stesso modo, l’assistenza del governo alle imprese deve riguardare meno sussidi, garanzie e salvataggi e più la creazione di partnership. Ciò significa applicare condizioni rigorose a qualsiasi salvataggio aziendale per garantire che il denaro dei contribuenti sia utilizzato in modo produttivo e generi valore pubblico a lungo termine, non profitti privati a breve termine.

Nella crisi attuale, ad esempio, il governo francese ha condizionato i suoi salvataggi per Renault e Air France-KLM a impegni di riduzione delle emissioni. Francia, Belgio, Danimarca e Polonia hanno negato gli aiuti di Stato a qualsiasi società domiciliata in un paradiso fiscale designato dall’Unione Europea e hanno impedito ai grandi beneficiari di pagare dividendi o riacquistare le proprie azioni fino al 2021. Allo stesso modo, alle società statunitensi che ricevono prestiti governativi attraverso il “Coronavirus Aiuti, soccorsi e sicurezza economica” (CARES) era  utilizzare i fondi per il riacquisto di azioni.

Queste condizioni sono un inizio, ma non sono abbastanza ambiziose, né dal punto di vista climatico né in termini economici. L’entità dei pacchetti di assistenza governativa non corrisponde ai requisiti delle imprese e le condizioni non sono sempre legalmente vincolanti: ad esempio, la politica sulle emissioni di Air France si applica solo ai voli domestici brevi .

È necessario molto di più per ottenere una ripresa verde e sostenibile. Ad esempio, i governi potrebbero utilizzare il codice fiscale per scoraggiare le aziende dall’utilizzo di determinati materiali. Potrebbero anche introdurre garanzie di lavoro a livello aziendale o nazionale in modo che il capitale umano non venga sprecato o eroso. Ciò aiuterebbe i lavoratori più giovani e più anziani, che hanno subito perdite di posti di lavoro sproporzionate a causa della pandemia  e ridurrebbe i probabili shock economici nelle regioni svantaggiate che già soffrono di declino industriale .

Anche la finanza deve essere aggiustata. Durante la crisi finanziaria globale del 2008, i governi hanno inondato i mercati di liquidità . Ma, poiché non l’hanno diretto verso buone opportunità di investimento, gran parte di quel finanziamento è finito di nuovo in un settore finanziario inadatto allo scopo.

La crisi attuale offre l’opportunità di sfruttare i finanziamenti in modo produttivo per guidare la crescita a lungo termine. Il paziente finanziamento a lungo termine è fondamentale, perché un ciclo di investimento di 3-5 anni non corrisponde alla lunga durata di una turbina eolica (più di 25 anni) e non incoraggia l’innovazione necessaria nella mobilità elettrica, nè lo sviluppo del capitale naturale (come come programmi di ripristino) e le infrastrutture verdi.

Alcuni governi hanno già lanciato iniziative di crescita sostenibile. La Nuova Zelanda ha sviluppato un budget basato su parametri di “benessere” piuttosto che sul PIL, per allineare la spesa pubblica con obiettivi più ampi, mentre la Scozia ha istituito la Scottish National Investment Bank orientata alla missione .

Oltre a guidare la finanza verso una transizione verde, dobbiamo ritenere il settore finanziario responsabile del suo impatto ambientale spesso distruttivo. La banca centrale olandese stima che l’impronta sulla biodiversità delle istituzioni finanziarie olandesi determina una perdita di oltre 58.000 chilometri quadrati (22.394 miglia quadrate) di natura incontaminata, un’area 1,4 volte più grande dei Paesi Bassi.

Poiché i mercati non guideranno da soli una rivoluzione verde, la politica dei governi deve indirizzarli in quella direzione. Ciò richiederà uno stato imprenditoriale che innova, si assume rischi e investe insieme al settore privato. I responsabili politici dovrebbero quindi ridisegnare i contratti di appalto al fine di allontanarsi dagli investimenti a basso costo da parte dei fornitori storici e creare meccanismi che “avvicinino”più attori all’innovazione per raggiungere obiettivi di verde pubblico.

I governi dovrebbero anche adottare un approccio di portafoglio all’innovazione e agli investimenti. Nel Regno Unito e negli Stati Uniti, una politica industriale più ampia continua a sostenere la rivoluzione della tecnologia dell’informazione. Allo stesso modo, il Green Deal europeo, la strategia industriale e il meccanismo per una transizione giusta lanciati di recente dall’UE fungono da motore e bussola per il Recovery Fund “Next Generation EU” da 750 miliardi di euro (888 miliardi di dollari) .

Infine, dobbiamo riorientare il nostro sistema energetico attorno alle energie rinnovabili, l’antidoto al cambiamento climatico e la chiave per rendere le nostre economie sicure dal punto di vista energetico. Dobbiamo quindi sfrattare dal business, dalla finanza e dalla politica gli interessi legati ai combustibili fossili e la politica a breve termine. Istituzioni finanziariamente potenti come banche e università devono disinvestire dalle società di combustibili fossili . Fino a quando non lo faranno, prevarrà un’economia basata sul carbonio.

La finestra per lanciare una rivoluzione climatica – e ottenere una ripresa inclusiva da COVID-19 nel processo – si sta rapidamente chiudendo. Dobbiamo muoverci rapidamente se vogliamo trasformare il futuro del lavoro, dei trasporti e dell’uso dell’energia e rendere il concetto di ” vita verde buona ” una realtà per le generazioni a venire. In un modo o nell’altro, il cambiamento radicale è inevitabile; il nostro compito è garantire di ottenere il cambiamento che vogliamo, mentre abbiamo ancora la possibilità di scegliere

Questa voce è stata pubblicata in Libero Ambiente. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento