Coalizione attiva per il clima

 

Scrive Anjli Raval su FT che sono passati cinque anni da quando i Paesi Bassi hanno perso un’azione legale che li costringeva a ridurre le proprie emissioni di gas serra . Era la prima volta che un governo era stato obbligato per legge ad agire sul cambiamento climatico ed è stato confermato da una corte d’appello nel 2019, il che significa che le autorità olandesi devono ridurre le emissioni del 25% rispetto ai livelli del 1990. 

Il caso, presentato dal gruppo per il clima Urgenda, ha sostenuto che la mancanza di azione dello stato stava mettendo in pericolo i cittadini olandesi. E la corte ha acconsentito . Ora l’avvocato dietro a quel caso del 2015 – Roger Cox – ha un nuovo obiettivo, la Royal Dutch Shell , in una battaglia legale all’Aia che alcuni ritengono potrebbe costringere le compagnie petrolifere e del gas ad accelerare il passaggio dai combustibili fossili e spingere altri inquinatori aziendali a rivalutare la loro impronta di carbonio. 

In una dichiarazione di apertura a dicembre, il signor Cox, agendo per conto di un gruppo di attivisti tra cui Milieudefensie, l’ala olandese di Friends of the Earth, ha affermato che il modello di business e la strategia aziendale del gruppo anglo-olandese “è in rotta di collisione con il clima globale obiettivi ”e rappresentavano“ un grande pericolo per l’umanità ”. Gli attivisti vogliono che Shell, valutata quasi 113 miliardi di sterline, riduca le sue emissioni totali di anidride carbonica del 45% entro il 2030, rispetto ai livelli del 2019, e le elimini completamente nel 2050. 

Costringerebbe il gruppo energetico a rivedere completamente le sue operazioni e strategia aziendale. Il signor Cox dice che gli attivisti ambientali “mi hanno chiesto se un caso in stile Urgenda potesse essere portato contro una società di combustibili fossili [e questo] mi ha fatto pensare che avessimo una possibilità realistica di vincere una causa contro una major petrolifera”. 

Shell e 24 altre grandi società sono responsabili di oltre la metà di tutte le emissioni industriali globali dal 1988, secondo il gruppo no profit CDP. Il contenzioso contro le società di combustibili fossili non è nuovo. Ma fino ad ora l’attenzione si è concentrata principalmente sulle cause di responsabilità , chiedendo alle società di risarcire i danni per comportamenti passati. 

L’attenzione si sta ora spostando sui cosiddetti casi basati sui diritti umani che hanno il potenziale per ridisegnare i futuri modelli di business e piani degli inquinatori aziendali. Questi casi sono progettati per far avanzare le politiche climatiche, affermano i loro sostenitori, sensibilizzare l’opinione pubblica e guidare cambiamenti comportamentali da parte di interi settori. “La necessità di esplorare strade per ridurre le emissioni è molto più importante delle discussioni sulla compensazione”, afferma Jaap Spier, autore di Climate Obligations of Enterprises, che definisce gli obblighi del settore aziendale e i rischi di responsabilità posti dal cambiamento climatico. 

Il caso Shell, dice, sta contribuendo a spostare il dibattito da “OK, c’è un problema e dobbiamo fare qualcosa” a “cosa deve essere fatto da chi e entro quando” “. Avvocati, ambientalisti e analisti energetici dicono che se Shell dovesse perdere, essa e alcuni dei suoi rivali potrebbero adottare preventivamente politiche – dai disinvestimenti all’aumento degli investimenti nell’energia pulita – per evitare ulteriori azioni legali. Sarebbero costretti a prepararsi per il fallimento del contenzioso sul clima come rischio finanziario. È anche probabile, dicono, che i futuri casi legali riguarderanno non solo le società di combustibili fossili, ma anche gli investitori e le entità correlate, come le banche che concedono loro finanziamenti.

Con il contenzioso sul clima abbiamo coperto lo stesso terreno in un decennio. Ora i querelanti non si limiteranno alle major del carbonio. ” Le compagnie petrolifere sono già costrette da investitori, autorità di regolamentazione e pubblico a fornire maggiori informazioni sulle loro impronte ambientali. E allo stesso tempo devono confrontarsi con una migliore scienza del clima e dati più granulari sulle emissioni, aiutati dalle nuove tecnologie .  Nigel Brook, un avvocato con sede a Londra presso Clyde & Co che guida l’attività di rischio del cambiamento climatico dell’azienda, afferma che è inevitabile che ci saranno più casi legali e più vittorie per coloro che li portano. “Ciò che è noto e conoscibile sta cambiando così velocemente”, afferma. “Il dovere di diligenza per i top manager non potrà che crescere. Questo è reale, sta accadendo e crescerà in modo significativo solo nel prossimo decennio “. Consigliato Exxon Mobil Corp ExxonMobil promette tagli delle emissioni dopo la pressione degli investitori I fondi pensione e gli asset manager sono particolarmente al centro dell’attenzione per gli attivisti. Uno dei più grandi fondi pensione australiani alla fine dello scorso anno ha accettato di risolvere un caso di rischio climatico portato dal 23enne Mark McVeigh nel 2018. Ha affermato che il Retail Employees Superannuation Trust non riusciva a proteggere i suoi risparmi pensionistici dai cambiamenti climatici. Nell’ambito dell’accordo, il fondo pensione ha accettato di incorporare i rischi finanziari del cambiamento climatico nei suoi investimenti. David Barnden, di Equity Generation Lawyers che rappresentava il signor McVeigh, afferma che l’impatto del caso sarà di vasta portata.

Questa è la prima volta che un fondo pensione viene messo all’opera in questo modo”, afferma Barnden. “In futuro, potremmo vedere amministratori fiduciari e proprietari di asset inseguire i singoli gestori di fondi pensione”.  Mark Clarke, un partner del dipartimento di risoluzione delle controversie dello studio legale White & Case che si occupa di cause legali relative al petrolio e al gas, afferma che il caso Shell potrebbe fornire un punto di svolta che si estende ben oltre il settore energetico se stabilisce che una società ha il dovere di diligenza. “Chiaramente ciò avrà delle ramificazioni e probabilmente incoraggerà affermazioni simili nei confronti di altre società”, afferma. “Il contenzioso sul cambiamento climatico è assolutamente in aumento, su questo non ci sono dubbi”. 

Questa voce è stata pubblicata in Libero Ambiente. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento